Accadde Oggi 28 marzo #almanacco

Oggi 28 marzo la Chiesa festeggia San Castore di Tarso, martire
845 – Saccheggio di Parigi da parte di orde vichinghe
1661 – Antoniotto Invrea, Marchese di Pontinvrea, viene eletto 116º Doge della Repubblica di Genova e Re di Corsica
1776 – Viene fondato in Russia il Teatro Bol’šoj di Mosca
1871 – la Comune di Parigi abroga la coscrizione obbligatoria
1910 – Louis Paulhan diventa il primo uomo a volare su un idrovolante presso Martigues, Francia, ideato da Henri Fabre
1923 – Istituzione della Regia Aeronautica
1930 – Costantinopoli ed Angora cambiano i loro nomi rispettivamente in Istanbul ed Ankara
1939 – Termina la Guerra civile spagnola: il Generalissimo Francisco Franco conquista Madrid
1941 – Seconda guerra mondiale: Battaglia di Capo Matapan
1942 – Seconda guerra mondiale: nella Francia occupata incursione delle forze navali britanniche nel porto di Saint-Nazaire controllato dalle forze tedesche
1943 – Nel Porto di Napoli scoppia un incendio sulla Caterina Costa carica di esplosivi. Nell’esplosione conseguente muoiono 600 persone
1945 – La partigiana Ines Bedeschi viene fucilata dai nazifascisti. In seguito le è stata conferita la Medaglia d’oro al valor militare.
1959 – La Cina blocca la rivolta popolare tibetana iniziata il 10 marzo e scioglie il governo del Tibet assumendone il totale controllo; il Dalai Lama ripara in esilio in India

1960 – Papa Giovanni XXIII eleva a cardinale LaureanRugambwa, primo cardinale di colore nella storia della Chiesa
1964 – Regno Unito: inizia le proprie diffusioni la prima stazione radio pirata: Radio Caroline
1979 – Incidente alla pompa di raffreddamento della Centrale nucleare di Three Mile Island (Pennsylvania)
1990 – Il presidente statunitense George H. W. Bush premia Jesse Owens con la medaglia d’oro del Congresso
1994 – In Sudafrica scontri tra polizia e comunità Zulu dell’African National Congress nel centro di Johannesburg: diciotto morti
1997 – Venerdì santo, Naufragio della motovedetta albanese Katër i Radës nel Canale d’Otranto a seguito della collisione con la corvetta italiana Sibilla. 81 morti, solo 54 corpi verranno recuperati
2005 – Un terremoto di 8,7 sulla scala Richter colpisce l’isola di Sumatra provocando centinaia di vittime

Alle ore 2 lancette avanti di un’ora. Forse sarà l’ultima volta
Giornata mondiale dell’endometriosi  
Nati
1963 – Quentin Tarantino
1845 – Wilhelm Röntgen

Morti
1972 – MauritsCornelis Escher
Ieri 27 marzo si è festeggiati la Giornata Mondiale del Teatro. Oggi in occasione della prima di uno dei teatri più importanti al Mondo, parleremo del teatro Bol’šoj di Mosca
Il Teatro Bol'šoj (traslitterato anche Bolscioi o Bolshoi,  ovvero "grande teatro", nome ufficiale Gosudarstvennyjdvaždyordena Lenina akademičeskijBol'šojteatrRossijskojFederacii,  ovvero "Gran teatro accademico nazionale di doppio ordine di Lenin della Federazione Russa"), è uno storico centro teatrale di Mosca, in cui vengono allestiti ballettiopere e spettacoli teatrali: tra i più celebri e blasonati templi del balletto classico mondiale, il teatro è associato ad una compagnia di danza, il Balletto Bol'šoj.
Il teatro sorge nello stesso luogo dove sorgeva il teatro Petrovskij che era stato inaugurato nel 1780 e che fu incendiato nel 1805. Nel 1819 fu bandito un concorso per il progetto del nuovo teatro; la competizione fu vinta da Andrej Michajlov. Tuttavia il suo progetto fu ritenuto essere troppo costoso, di conseguenza il governatore di Mosca DmitrijVladimirovičGolicyn incaricò l'architetto Giuseppe Bove di modificarlo. I lavori del nuovo progetto cominciarono nel 1820 ed il nuovo Gran (Bol'šoj) Teatro Petrovskij fu inaugurato il 18 gennaio 1825 con il balletto Cendrillon di Fernando Sor.
Fino a circa il 1840 il teatro presentava unicamente opere russe. Nel 1853 un incendio causò gravi danni alla struttura, che fu riaperta nel 1856. L'interno fu realizzato su disegno dell'architetto italo-russo Alberto Cavos (1853-1856).
L'edificio storico del teatro è stato chiuso per restauri dal 2005 con l'obiettivo di riportare la struttura agli antichi splendori pre-comunisti. Durante l'epoca di Stalin infatti erano stati eliminati i lampadari, gli stucchi e tutto quanto potesse evocare il lusso del periodo zarista. Inoltre il teatro fu trasformato anche in sede di riunioni e congressi di partito con strutture che ne avevano compromesso l'acustica. La cerimonia di inaugurazione è avvenuta il 28 ottobre 2011.
Il teatro, che è anche raffigurato sulla banconota da 100 rubli, viene nominato in numerosi film, tra cui Il concertoRedSparrow e La ballerina del Bolshoi.
Il Teatro Bol'šoj è situato nel centro di Mosca, non lontano dal Cremlino. L'edificio, in un severo stile neoclassico, è preceduto da un arioso pronao sorretto da un'unica fila di colonne con capitelli compositi. Sulla copertura a spioventi del pronao, si trova una scultura bronzea raffigurante una quadriga, opera dello scultore Peter Clodt von Jürgensburg. All'interno, si trova la grande sala, con cinque ordini di palchetti. Sopra l'ingresso, vi è il palco reale, con elaborata struttura lignea scolpita e dorata.
L'organo a canne del teatro è stato costruito nel 2012 dalla ditta organaria tedesca Glatter-GötzOrgelbau. Lo strumento, a trasmissione integralmente elettrica, ha due tastiere di 58 note ciascuna ed una pedaliera di 30. Il Bol'šoj è stato sede di molte anteprime storiche, tra cui: