Usa, l'assurda storia del cane che ha viaggiato nel vano motore dopo essere stato investito

Dopo essere stato colpito violentemente dalla parte anteriore di un'automobile, un cane si è trovato incastrato nella zona retrostante al paraurti, rimanendo bloccato e venendo pertanto trasportato per oltre trenta minuti senza che nessuno se ne accorgesse.
L'autista infatti, dopo essersi reso conto di avere urtato qualcosa con la sua vettura, è sceso per controllare i danni, ma non ha avuto occasione di rendersi conto che un animale era rimasto imprigionato nel vano sotto al motore, una zona particolarmente pericolosa sia per il calore sprigionato sia per il rischio di esplosioni innescate dall'attrito.
Secondo la testimonianza raccolta da Jeffrey Collins, un poliziotto della città di Rotterdam in USA, il guidatore, dopo la collisione con il cane, non ha visto che esso era incastrato sotto alla sua auto, anche perché il povero animale ferito non emetteva alcun lamento.
La paura e le condizioni particolarmente disagevoli avevano infatti contribuito a paralizzare il cane, il cui muso era comunque in parte visibile dallo squarcio creatosi sulla parte anteriore del mezzo.
Pertanto, dopo l'incidente, l'automobilista era ripartito viaggiando per oltre mezzora prima di avvertire alcuni suoni sospetti provenire dal vano motore della sua vettura.

Soltanto dopo essersi fermato una seconda volta, l'autista si era finalmente reso conto che i rumori indecifrabili che avevano attirato la sua attenzione in realtà provenivano da un essere vivente e precisamente dal cane che egli aveva investito poco prima.
Dopo un prevedibile momento di smarrimento, il guidatore si era subito messo in allarme, contattando telefonicamente il numero d'emergenza 911 per chiedere un intervento medico veterinario.
Lo sguardo terrorizzato del cane imprigionato sotto al cofano della vettura esprimeva, anche in silenzio, tutto il dolore della povera bestia che finalmente poteva essere soccorsa.
La dottoressa La Freniere, veterinaria presso la Hernas Veterinary Clinic, ha dichiarato di essere rimasta completamente spiazzata davanti alle condizioni dell'animale che, nonostante alcune ferite non troppo gravi, era riuscito a sopravvivere al pericoloso incidente.
Secondo gli inquirenti, la salvezza del cane potrebbe essere dipesa dal suo alloggiamento in un vano talmente spazioso da permettergli di respirare e di non rimanere schiacciato.
In seguito alle cure necessarie per suturare alcune ferite e dopo le dovute indagini diagnostiche, l'animale è stato restituito al proprietario che lo ha potuto abbracciare con felice incredulità.
Questa favola a lieto fine suggerisce come, in alcuni casi, la resistenza degli animali sia in grado di superare ostacoli ritenuti insormontabili.