TRASPORTO PUBBLICO, LA CISAL MANIFESTA DAVANTI AL CONSIGLIO: NON ABBIAMO NESSUNA TUTELA - Molise Web giornale online molisano
Fanelli e il 5 stelle a sostegno dei lavoratori. E sul bilancio regionale: è un documento invotabile

Trasporto pubblico, la Cisal manifesta davanti al Consiglio: non abbiamo nessuna tutela

di Viviana Pizzi

Autisti di autobus non pagati da mesi dalla Regione. Un sistema che non ne garantisce un lavoro sicuro dai contagi da Covid 19 nel quale le vaccinazioni sono lontane. Per questo motivo la Faisa Cisal era questa mattina davanti al Consiglio regionale del Molise per chiedere un incontro all'assessore ai trasporti Quintino Pallante e al presidente della Giunta Regionale Donato Toma. Alla protesta dei sindacati hanno partecipato, nel ruolo di uditori anche i consiglieri regionali Micaela Fanelli per il Pd insieme ai pentastellati Andrea Greco e Angelo Primiani. Li abbiamo ascoltati tutti al microfono di Maurizio Varriano. 

"Il trasporto pubblico va Commissariato dalla Regione-  hanno sostenuto dal sindacato- non ci pagano con la sicurezza del viaggio e dei biglietti. Abbiamo una situazione vetusta e obsoleta. Garantiamo un servizio pubblico e non possiamo tirarci indietro, bisogna poi anche scendere in campo per adeguare e ammodernare il parco rotabile perchè poi siamo costretti a girare con l'ombrello". 

"Sono qui per tutelare i loro diritti - aggiunge la consigliera regionale Micaela Fanelli -  e fanno bene. Hanno promesso che gli stipendi sarebbero stati pagati. La gara sospesa va sbloccata e nel maxiemendamento che verrà presentato martedì durante la discussione del bilancio. La ragione è delle persone che portano gli autobus e non sono vaccinati. Io farò una azione degli autisti del trasporto perché siano pronti nelle vaccinazioni,. Le Regioni nello scegliere le categorie non possono più sbagliare, le cassiere e le persone esposte devono avere la priorità. Fanno bene a protestare perché non lavorano in sicurezza. Il Molise durante la visita del sottosegretario Costa ha messo in evidenza solo le cose che vanno, non sappiamo come vanno le altre cose. C'è un sistema piuttosto inefficiente, degli hub che non hanno funzionato bene. Medici volontari stanno andando verso quella direzione. Bisogna essere pronti e veloci"

"Se chiedi di andare al ministero si sposta solo l'asticella - hanno aggiunto i consiglieri Greco e Primiani -  parlando ai sindacati  da quando Niro ha bocciato la proposta non sappiamo più che s쳭e. In tre anni nessuno ci ha messo mano perché nessuno ha fatto il bando. In questo sistema quando la Regione in maniera colpevolmente passiva subisce dagli imprenditori non va bene. Mi dispiace vedervi qua e sapere che non vi pagano. Il Tpl si risolve in Molise con problemi solo su gomma. Sono tre anni che facciamo proposte sul trasporto pubblico locale. La proposta sacrosanta è quella di aderire alla radice della protesta. Gestori affidatari della protesta dove c'è bisogno di vedere l'intera architettura del trasporto pubblico. La soluzione per i trasporti è il gestore unico con un lotto unico. In passato abbiamo bloccato la riforma Niro con un doppio lotto. Non è accettabile E' emblematico dell'immobilismo della Giunta Regionale". 

BILANCIO REGIONALE: ECCO LE RAGIONI DEL NO DELLE OPPOSIZIONI

E in consiglio regionale siamo anche alla vigilia della discussione del bilancio che ci sarà da lunedì 26 aprile a giovedì 29. Il no delle opposizioni sarà forte e chiaro. 

"Non ci sono la sostenibilità economica per il bilancio del Molise-  ha dichiarato Fanelli - soprattutto se lo basi sul recupero della tassazione sui non meglio precisati risparmi che reiterano il bilancio. Per noi è un netto no seguendo tutto quello che ha detto la corte dei Conti. E' un conflitto tra Consiglio e Giunta di non facili soluzioni, Tra un presidente del Consiglio che chiede l'utilizzo di alcuni fondi e il presidente della Giunta che non vuole farlo funzionare. Su South beach ho presentato una interrogazione perché ci sono numeri che non collimano. L'opera temo sia una bufala perché nessuno di noi sa quali siano davvero gli investimenti. L'investitore che viene in Molise per scegliere i propri soldi perchè indirettamente è il tessuto regionale che deve migliorare. Non è detto che un investimento di tal genere trova che tutto sia migliore. Intanto ho fatto una interrogazione e la mia opinione è caratterizzata da fatti e prove circostanziate. L'interrogazione vogliamo che sia fatta in aula per chi deve dire la sua. Venerdì avremo una direzione di partito dove prenderemo una decisione". 

"Questo è il peggiore governo regionale. ha aggiunto Angelo Primiani-  siamo in proroga della scadenza individuata. In aula è stata bocciata dalla stessa maggioranza. La delega è stata assegnata dall'assessore Pallante. Il bilancio è invotabile. Sul bilancio si prevedono potenziali rischi di danno erariale. Questo è un bilancio che fa solo tagli con oltre 40 milioni di debiti.  Ci aspettavamo da un presidente regionale un risanamento dei conti non un peggioramento. Abbiamo valutato di lasciare in aula i lavori del bilancio ma l'opposizione parteciperà per far emergere tutte le nefandezze. Sulla sanità diamo almeno sei mesi di tempo alle Commissarie per decidere  "