ACCADDE OGGI 28 APRILE #ALMANACCO - Molise Web giornale online molisano

Accadde Oggi 28 aprile #almanacco

Oggi 28 aprile la Chies festeggia San Luigi Maria Grignion de Montfort, sacerdote

1192 – Assassinio di Corrado del Monferrato, Re di Gerusalemme, presso Tiro per mano di un assassino nizarita
1253 – Tempio Seicho-ji, Tojo, provincia di Awa, Giappone, Nichiren Daishonin a mezzogiorno, recita Nam Myoho Renge Kyo per la prima volta e fonda il suo insegnamento
1611 – Viene fondata l’Università di Santo Tomas, nelle Filippine
1738 – Roma, Papa Clemente XII condanna la massoneria, tramite la bolla papale In eminenti apostolatus specula
1788 – Il Maryland è il settimo stato a ratificare la Costituzione degli Stati Uniti
1789 – Ammutinamento del Bounty: una parte degli ufficiali si solleva contro il capitano William Bligh
1796 – Armistizio di Cherasco tra la Repubblica Francese e il Regno di Sardegna; l’armistizio sarà sanzionato il successivo 15 maggio col Trattato di Parigi
1896 – Grecia: durante degli scavi fra i resti di una casa, viene scoperta la parte inferiore della statua di bronzo conosciuta come l’Auriga di Delfi. La statua verrà portata completamente alla luce il 9 maggio dello stesso anno.
1932 – Viene annunciata la scoperta di un vaccino contro la febbre gialla
1937-- Roma, inaugurazione di Cinecittà
1939 – Adolf Hitler rompe il patto di non aggressione con la Polonia
1940 – Roma: Papa Pio XII manda un messaggio a Benito Mussolini, chiedendogli di non entrare in guerra. Galeazzo Ciano scriverà sui suoi diari: l’accoglienza del Duce è fredda, scettica, sarcastica
1945 – Seconda guerra mondiale: Benito Mussolini e la sua compagna Clara Petacci, catturati a Dongo mentre tentavano di espatriare in Svizzera, vengono fucilati da membri della Resistenza italiana a Giulino di Mezzegra
1947 – L’etnologo ed esploratore Thor Heyerdahl parte dal Perù a bordo del Kon-Tiki: intende dimostrare che i nativi peruviani potrebbero in passato aver raggiunto le isole della Polinesia
1952
USA: Dwight D. Eisenhower rassegna le dimissioni da comandante supremo della NATO per candidarsi alla carica di presidente degli Stati Uniti
Dopoguerra: Gli Stati Uniti pongono termine all’occupazione militare del Giappone
1967
USA: boxe, il campione del mondo dei pesi massimi Cassius Clay si dichiara obiettore di coscienza per evitare l’arruolamento; per questo fatto la World Boxing Association gli toglie il titolo
1969 – Charles de Gaulle si dimette da presidente della Francia
1980 – Milano: l’ex brigatista Corrado Alunni e il criminale Renato Vallanzasca guidano altri 14 detenuti in un’evasione dal carcere San Vittore: armi in pugno, prendono in ostaggio un brigadiere e si fanno aprire le porte, ma pochissimi riescono ad uscire, e vengono poi subito catturati.
1989 – A quattro anni dalla strage dell’Heysel, arriva la sentenza di primo grado per 25 imputati: 14 sono condannati a 3 anni con la condizionale, assolti gli altri 11, l’UEFA e le autorità di Bruxelles.
1990 – New York: dopo oltre 6.200 recite si chiude per l’ultima volta il sipario sul musical A Chorus Line
1992 – Italia, il presidente della Repubblica Francesco Cossiga rassegna le dimissioni
1994 – Rwanda, centinaia di migliaia di profughi abbandonano il paese per i massacri tra gruppi etnici avversari
2004 – Stati Uniti d’America: la rete TV CBS mostra le immagini di prigionieri iracheni maltrattati e umiliati da soldati americani nel carcere di Abu Ghraib
2013 – Roma: durante l’insediamento del governo Letta, Luigi Preiti apre il fuoco nella piazza antistante palazzo Chigi, ferendo due carabinieri ed una donna

Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro

Italia, Sardegna – Sa die de sa Sardigna, festa del popolo sardo

Nati

Oskar Schindler (1908)
Ferruccio Lamborghini (1916)
Saddam Hussein (1937)

Morti 

 

René-Primevère Lesson (1849)
Benito Mussolini (1945)
Gilberto Govi (1966)

 

Oggi è doveroso portar all’attenzione la sicurezza e la salute sul lavoro. 

— Lavoratori, datori di lavoro, governi e enti di tutto il mondo attivi nel settore della salute e della sicurezza, in collaborazione con l’Organizzazione internazionale del Lavoro (ILO), celebrano il 28 aprile la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro ponendo l’accento sulla necessità di creare una nuova « cultura della sicurezza » al fine di ridurre o prevenire gli incidenti sul lavoro e le malattie professionali che provocano, in media, 6 000 morti al giorno.

L’ILO e i suoi costituenti organizzano una serie di eventi che includono commemorazioni dei lavoratori morti o feriti sul luogo di lavoro, conferenze, manifestazioni e dibattiti pubblici intesi a promuovere una « cultura della sicurezza » sollecitata in occasione della Conferenza internazionale del Lavoro dell’ILO dello scorso anno.

L’ILO celebra la Giornata mondiale per ricordare l’importanza della prevenzione degli infortuni e malattie legate al lavoro. Questo evento trae la sua forza dalla tradizionale struttura tripartita dell’ILO e dal dialogo sociale che riunisce lavoratori, datori di lavoro e governi nell’intento di accrescere la consapevolezza sulla questione della salute e della sicurezza sul lavoro.

« Promuovere una cultura della sicurezza sul lavoro è il tema di questa Giornata mondiale », dichiara il Presidente della Finlandia, Tarja Halonen, in uno speciale messaggio preparato per l’occasione. « Governi, datori di lavoro e lavoratori hanno un comune interesse nel creare luoghi di lavoro più sani e sicuri che costituisca una base solida per lo sviluppo del dialogo sociale e per raggiungere un consenso durevole ».

Il Direttore Generale dell’Ufficio internazionale del Lavoro, Juan Somavia in un altro messaggio dedicato a questa giornata dichiara : « Una vera cultura della sicurezza deve essere alimentata e sostenuta dal partenariato e dal dialogo. I governi, i datori di lavoro e i lavoratori, all’interno di un quadro condiviso di diritti, di responsabilità e doveri, devono trovare un terreno comune e creare luoghi di lavoro sani e sicuri. Sono fermamente convinto che questa sia una delle aree più fertili per ottenere un ampio consenso nel mondo del lavoro ».

Quest’anno, la celebrazione coincide con una delle peggiori catastrofi mai avvenute la pandemia covid 19. Ogni anno, le sostanze pericolose, oltre la pandemia, è bene ricordarlo, causano la morte di 400 000 persone ; secondo l’Ufficio internazionale del Lavoro questa cifra rappresenta solo una parte del numero annuale di incidenti mortali sul lavoro (oltre 2 milioni) e dei casi di malattie professionali (oltre 160 000 milioni). Questi dati allarmanti dimostrano la necessità di adottare misure di prevenzione più efficaci traendo spunto dalle Convenzioni e dalle misure di sicurezza concrete formulate dall’Ufficio internazionale del Lavoro. Questo è il primo passo verso una vera « cultura della sicurezza » a livello mondiale.

Per Jukka Takala, principale specialista dell’Ufficio internazionale del Lavoro in materia di sicurezza sul lavoro »l’esperienza dimostra che una cultura della sicurezza rappresenta un vantaggio sia per i lavoratori che per gli imprenditori e i governi. Diverse tecniche di prevenzione si sono dimostrate efficaci, permettendo al contempo di evitare gli incidenti sul lavoro e di migliorare i risultati dell’impresa. Le norme di sicurezza più avanzate in vigore oggi in alcuni paesi sono il risultato diretto delle politiche di lungo termine a favore del dialogo sociale, della contrattazione collettiva tra sindacati e imprenditori, nonché di una efficace legislazione in materia di salute e sicurezza sostenuta da servizi di ispezione del lavoro efficaci. In Italia si manifesta in ogni luogo ed ogni città. Prevenzione, la parola d’ordine che rappresenta il pensiero di tutti. Ma, come ogni Nazione che si rispetti per la sua classe politica, in Politica quello che si dice oggi è vecchio già ieri e quindi, si parla si parla e non accade mai nulla. Noi ci auguriamo il contrario e ci diamo appuntamento all’anno prossimo per poter finalmente non contare più incidenti e morti bianche.