VACCINI AGLI OVER 90 E PERSONE FRAGILI A DOMICILIO, ALTRI RITARDI - Molise Web giornale online molisano

Vaccini agli over 90 e persone fragili a domicilio, altri ritardi

Vaccinazioni a domicilio ancora a rilento sul territorio molisano per gli anziani ultra 90enni e persone costrette a letto. 
Tra gli over 90 in attesa dell’appuntamento per l’iniezione, nonostante le garanzie della Regione, molti ancora non hanno ricevuto il messaggio sms con l’appuntamento, che dovrebbe essere fissato per tutti al più presto perché persone fragili, come ribadito ieri dal Commissario Figliuolo a Repubblica: «Dopo gli over 65 anni proporrò di vaccinare tutti, al di là dell’età».
Ci è arrivata una segnalazione di una famiglia composta da 5 persone (è il sig. Giancarlo che ci scrive), che nonostante abbia fatto richiesta più volte alla Regione Molise di poter ricevere il vaccino anti Covid a domicilio, non ha ancora ricevuto risposta dalla struttura regionale. La richiesta è stata inoltrata da mesi, la famiglia è composta da una 91enne,  nonchè da altre due persone fragili, una donna cieca con una malattia autoimmune che la costringe a rimanere immobile a letto ed un uomo molto malato, purtroppo relegato anch'esso a letto.

È palese che, anche a fronte di una corretta organizzazione, le carenze sono strutturali perché le vaccinazioni a domicilio presuppongono la presenza di un'autoambulanza nelle vicinanze del domicilio e, in ogni caso, una struttura medica dedicata. La testimonianza di questa famiglia fa emergere le conseguenze di scelte di abbandono della medicina del territorio. Se poi si considera che queste disfunzioni interessano le parti più deboli della popolazione e le loro famiglie, è necessario che la Asrem, a livello locale, la Regione Molise e la struttura nazionale del Ministero della Sanità si adoperino per garantire ed accelerare un corretto percorso di vaccinazione, soprattutto ai soggetti più deboli.