TOMA, NO ALL' INSEDIAMENTO SOUTH BEACH - Molise Web giornale online molisano

Toma, no all' insediamento South Beach



Le parole del presidente della Regione, Donato Toma presagiscono la  bocciatura da parte del tavolo tecnico, istituito per verificare tutti i dati progettuali del mega progetto della Marina di Montenero di Bisaccia, che al momento, decisamente, trattasi di mera ipotesi.
Il tavolo tecnico è in riunione da poche ore ed è già difronte ad una miriade di problematiche irrisolvibili.
“ Se non saranno soddisfatte tutte le condizioni, il progetto sarà accantonato senza pensarci su due volte “, le parole nette e decise del Presidente. "Se le parole hanno un senso, il Presidente dichiara il suo No al South Beach, dopo aver il 29 marzo reso noto a margine della seduta di Giunta Regionale, nel prendere atto della richiesta del Comune di Montenero di Bisaccia, tesa ad istituire un tavolo tecnico finalizzato all’accordo di programma relativo al progetto stesso, il suo interesse, come quello dell’intera Giunta dichiarando “ -Il Molise ha un patrimonio estremamente ricco che, negli anni, non è riuscito a esprimere le sue potenzialità a causa della frammentarietà degli interventi. Bisogna lavorare per fare sistema, per connettere luoghi, persone, attività. South Beach va in tale direzione. Tale progetto può rappresentare un modello di sviluppo da replicare sul territorio-”.   Parole, che non solo presagiscono il riempimento del cestino della carta di via Genova, ma mettono l’accento su un progetto che ad oggi non esiste : “ Ribadisco che il progetto è ipotetico e che non esiste una vera progettazione, neanche di massima. Siate sereni, dobbiamo essere tutti sereni , anche se non preclusivi a sviluppo. Sviluppo, ribadisco, di carattere sostenibile“ – conclude il Presidente.
Se le parole hanno un senso, il Presidente dichiara il suo No al South Beach.
Nell’intervista di Moliseweb, toccammo anche l’aspetto dell’eolico. Il presidente torna sull’argomento, a se evocato, in quanto delegato da se stesso all’Ambiente, nel dichiarare, anche per questo altro scempio che sta proliferando in Molise, una sorta di battaglia da farsi con Sindaci ed amministrazioni prese di mira da società, aggiungiamo noi, senza scrupoli.