TESTAMENTO: "CHE FINE HA FATTO IL CONCORSO PER 1052 ADDETTI ALLA VIGILANZA E CUSTODIA DEI BENI CULTURALI?" - Molise Web giornale online molisano

Testamento: "Che fine ha fatto il concorso per 1052 addetti alla vigilanza e custodia dei beni culturali?"

«Che fine ha fatto il concorso per 1052 addetti alla vigilanza, custodia e fruizione dei beni culturali, sospeso nel marzo 2020 a causa della pandemia? Inoltre, in un'altra interrogazione, il Ministro Franceschini non ritiene doveroso fare chiarezza sul bando indetto dal Ministero lo scorso dicembre per la selezione a partita IVA o a tempo determinato fino al 31 dicembre 2021 di 500 figure professionali, il cui esito ha suscitato una forte indignazione tra i lavoratori del settore? » queste le domande che si pone l'Onorevole Rosaria Testamento, componente della commissione cultura di Montecitorio, e che indirizza al Ministro competente.

«Ho indirizzato al Ministro Franceschini queste due interrogazioni perché a fronte della cronica carenza di organico nei beni culturali, considerata in più occasioni dal Ministro come una criticità da colmare urgentemente, alcuni concorsi sono ancora sospesi e altri non improntati a criteri di meritocrazia trasparenza. Nonostante molti ministri del “governo dei migliori” – continua la parlamentare – abbiano più volte segnalato l'urgenza di nuove assunzioni nella pubblica amministrazione e, quindi, la contestuale necessità di riprendere i concorsi sospesi per la pandemia, sul fronte dei beni culturali, anche da questo punto di vista, siamo molto lontani da quel "cambio di passo" che Franceschini, rispondendo a un mio recente question time alla Camera, aveva detto di considerare necessario per dare efficienza e funzionalità a tutta la macchina ministeriale. Al danno – continua -  si è poi aggiunta anche la beffa, perché il bando indetto a dicembre per reperire appunto le 500 figure professionali, per lo più a Partita IVA, è stato caratterizzato da una selezione farsa: poca trasparenza, modalità superficiali di presentazione delle domande e, infine, l’immissione nelle graduatorie definitive di soggetti privi dei requisiti di partecipazione previsti dal decreto ministeriale.  A pagarne le conseguenze sono tutti i cittadini, data la mancata valorizzazione del nostro immenso patrimonio culturale che continua a non poter contare delle unità di personale di cui necessità, in quanto evidentemente non gli viene riconosciuta l'importanza che merita. Tutto ciò non stupisce più ma continua ad essere inaccettabile» - conclude Testamento.