VINCHIATURO, SINDACO VALENTE ALL'ASREM: O CI DATE LE DOSI O RISOLUZIONE DEL CONTRATTO PER CENTRO VACCINALE PALASPORT - Molise Web giornale online molisano
All'interno del pezzo tutti i documenti del caso

Vinchiaturo, sindaco Valente all'Asrem: o ci date le dosi o risoluzione del contratto per centro vaccinale Palasport

di Viviana Pizzi 

E' di qualche ora fa la denuncia del sindaco di Vinchiaturo sulla mancata attivazione del centro vaccinale previsto al palazzetto dello sport. E' pronto da un mese ma non è utilizzato a causa della mancata fornitura da parte di Asrem delle dosi da inoculare. Nel frattempo accade che il primo cittadino ha scritto al direttore generale Asrem e alla commissaria Flori Degrassi per chiedere due cose: o l'arrivo dei vaccini o la risoluzione del contratto che è in vigore dal 10 aprile e che durerà almeno fino al 31 ottobre salvo proroghe.

"In relazione all'accordo in oggetto indicato sottoscritto in data 10 aprile 2021 - si legge nella missiva di Valente-  e facendo seguito alle comunicazioni per le vie brevi, faccio presente che il punto vaccinale allestito dal Comune di Vinchiaturo, pronto e funzionale gia da un mese, ancora non viene attivato nè utilizzato per lo scopo per il quale questo Ente lo ha messo a disposizione della ASREM. 
Sembra infatti che a tutt'oggi non ci sia ancora alcuna disponibilita di vaccini per l'attivazione del centro di Vinchiaturo, mentre la campagna vaccinale nella Regione Molise procede assai speditamente con lusinghieri risuitati in termini di persone vaccinate e di dosi inoculate. A questo punto, atteso il mancato uso dell'impianto comunale di cui evidentemente non si ha necessità, si chiede di valutare Ia risoluzione dell'accordo di collaborazione in oggetto in modo che il Palasport possa tornare nella piena disponibilità del Comune di Vinchiaturo al più presto, e comunque entro it 30 maggio 2021; ciò al fine da poter tornare a programmare nell'impianto suddetto attivita sportive e motorie. In attesa di un cortese riscontro 6 gradita l'occasione per porgere cordiali saluti". 

Il sindaco Valente, da noi interpellato ci ha dichiarato in merito:  Mi è stato detto che non ci sono vaccini da somministrare per l’utilizzo del palasport. Quando mi sono permesso di mettere in dubbio tale situazione mi hanno risposto  ricordandomi che il loro ruolo non è politico. A metà marzo, in armonia con l’amministrazione mandammo una nota di disponibilità per aiutare la campagna vaccinale. A fine marzo il direttore generale  ci dichiara la disponibilità di 250 vaccini. In due giorni abbiamo allestito il plasport. Il Sopralluogo fu effettuato il martedì dopo Pasqua. Da esso furono verificate criticità mancanza di frigorifero lettino e scaffalletto ed il personale amministrativo e sanitario. Mi prodigai e trovammo medici ed infermieri, il mio presidente del consiglio , medico, mise a disposizione il lettino, scaffaletto ed ogni altra necessità. L’11 aprile sottoscrivemmo la convenzione dopo la quale passa del tempo e le mie richieste non furono più evase. La solita risposta : mancano i vaccini. Sentir dire che le cose vanno a gonfie vele a questo punto non potendo continuare così ho chiesto lumi anche al fine di un eventuale smontaggio dell’allestimento e ridare alla popolazione la possibilità di utilizzo del palasport. E’ passato un mese ed è chiaro che adesso se vi fosse ancora disponibilità potrei avere difficoltà ad avere disponibilità da parte del personale sanitario ed altri che devono necessariamente essere presenti per garanzia e sicurezza. Si sono anche messi in campo economie che potrebbero essere state depauperate a fronte di altre possibilità di spesa. Ho avuto per fortuna ditte che per perorare la causa ha messo a disposizione le loro energie. Non mi possono tenere bloccata una struttura. Perché mi hanno fatto aprire l’immobile, mi chiedo? Non voglio far polemica. Mi dicessero cosa farne della struttura. Non posso non dare risposte alla mia popolazione che mi chiede ogni giorno. Io sono sindaco e devo dare risposte certe e veritiere


L'accordo, che si allega nell'articolo parla chiaro: all'articolo 2 si dice chiaramente che II Comune mette a disposizione negli spazi individuati all'art.1, le seguenti attrezzature e servizi: a) assistenza logistica, compreso il controllo degli accessi e il presidio diurno attraverso personale comunale o volontario; b) le attrezzature informatiche e i servizi di rete; c) I'equipe vaccinale, come definite dalle Raccomandazioni ministeriali per I'organizzazione della campagna vaccinale contro SARS•CoV-2/COVID-19 e procedure di vaccinazione, anche con personale sanitario volontario. L'ASREM si fare carico della fornitura dei vaccini, dei DPI e di tutto il materiale sanitario necessario all'attivita vaccinale, ivi compreso it materiale per la raccolta dei rifiuti speciali, e provvedere al ritiro e allo smaltimento dei rifiuti speciali derivanti dalle attivita poste in essere nei locali oggetto del presente Atto. 

Sarebbe un peccato annullare tutto questo anche perchè senza vaccini a disposizione resterebbe nullo lo sforzo e il sacrificio messo in campo dalla equipe vaccinale messa in piedi dal Comune di Vinchiaturo. Senza vaccini inutile ogni sforzo possibile. Quindi ciò che si dice nell'articolo 5 ossia che l'accordo dura fino al 31 ottobre del 2021 potrebbe essere disatteso qualora l'Asrem in via bonaria decidesse di accogliere la richiesta del primo cittadino. Le controversie saranno comunque regolate, secondo l'articolo 7 dal Tribunale di Campobasso. 

Vanificare lo sforzo di una amministrazione Comunale sarebbe comunque un segnale negativo anche perché i cittadini di Vinchiaturo sono stati invitati a vaccinarsi a Palazzo Colagrosso di Bojano. I 250 vaccini potrebbero anche arrivare ad ottobre e tenere impegnata la struttura per pochi giorni. Ma a chi serviranno queste dosi se quasi tutta Vinchiaturo si sarà vaccinata altrove? Vinchiaturo lo ricordiamo è un comune di 3.317 abitanti quindi 250 dosi di vaccino sono del tutto insufficienti. Ai cittadini l'ardua sentenza. 

Copia_Allegato2_Accordo_ASREM_Comune_di_Vinchiaturo-(1).pdf-

864659877.pdf