CONSIGLIO REGIONALE, APPROVATO AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DI UN CONSIGLIERE DI PARITà REGIONALE - Molise Web giornale online molisano

Consiglio Regionale, approvato avviso pubblico per la designazione di un Consigliere di parità regionale

L’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, presieduto dal suo Presidente Salvatore Micone, ha  approvato l’avviso pubblico per la designazione, da parte dell’Assise legislativa, del Consigliere di  parità regionale –effettivo e supplente- ai sensi del d.lgs 198/2006. La stessa normativa prevede che  sulla base della designazione dei nominativi da parte del Consiglio regionale, il Ministero per le 

Pari Opportunità e la Famiglia provveda ad effettuarne la nomina definitiva. Il Consigliere di parità regionale svolge funzioni di promozione e controllo dell'attuazione dei  principi di uguaglianza di opportunità e non discriminazione tra donne e uomini nel lavoro,  intraprendono ogni utile iniziativa, nell'ambito delle competenze dello Stato, ai fini del rispetto del  principio di non discriminazione e della promozione di pari opportunità per lavoratori e lavoratrici,  svolgendo i compiti e funzioni di cui all'art. 15 del d.lgs. n. 198/2006. Lo stesso, nell'esercizio delle  funzioni attribuite, è pubblico ufficiale e ha l'obbligo di segnalazione all'autorità giudiziaria dei reati  di cui venga a conoscenza per ragioni d’ufficio. La durata complessiva dell’incarico è di 4 anni. L’avviso approvato dall’Ufficio di Presidenza prevede che, entro e non oltre il trentesimo giorno  successivo alla data di pubblicazione del presente avviso nella sezione Amministrazione  Trasparente – Bandi di concorso - del Consiglio regionale del Molise e nel Bollettino Ufficiale della  Regione Molise, coloro che sono interessati a ricoprire detti incarichi possano presentare apposita  manifestazione di disponibilità agli uffici preposti dell’Assemblea legislativa regionale.  Quest’ultima, a seguito di un’apposita procedura comparativa, provvede ad effettuare le  designazioni di competenza, inviando i nominativi prescelti al Ministero per le Pari Opportunità e la  Famiglia per la conclusione dell’iter di nomina. 

La normativa di riferimento, in particolare, stabilisce che possano rivestire il ruolo di Consigliere di  parità coloro i quali possiedano specifica competenza ed esperienza pluriennale in materia di lavoro  femminile, di normative sulla parità e pari opportunità nonché di mercato del lavoro, comprovati da  idonea documentazione. 

La Circolare Ministeriale n. 20 del 22 giugno 2010, chiarisce che il requisito della specifica  competenza attiene ai percorsi di studio, ricerca, formazione. Mentre il requisito dell’esperienza  pluriennale è correlato allo svolgimento di attività lavorative di durata non inferiore a due anni  presso enti e amministrazioni pubbliche o private. La Circolare ministeriale, infine, rileva che 

requisiti di specifica competenza ed esperienza pluriennale in materia di lavoro femminile, di  normative sulla parità e pari opportunità, nonchè di mercato del lavoro devono, inoltre, devono  essere comprovati dal candidato da idonea documentazione.