MOLISE IN ZONA BIANCA: MASCHERINE, CAFFÈ AL BANCO, NESSUN COPRIFUOCO - Molise Web giornale online molisano

Molise in zona bianca: mascherine, caffè al banco, nessun coprifuoco

In Molise prove tecniche di normalità. Una normalità alla quale abbiamo abdicato sette mesi fa, quando anche il Molise si è trovato nell’occhio di un ciclone che abbiamo imparato a chiamare Covid: nuovi contagi per settimane ogni giorno vicino a tre cifre, decessi, terapie intensive e reparti intasati avevano obbligato anche la nostra regione a chiudersi a riccio per tentare di resistere, di non rassegnarsi all’atroce conta dei morti.  Torna la normalità, da oggi lunedì 31 maggio: il Molise si tinge di bianco, il colore che nella rappresentazione cromatica del rischio con cui abbiamo imparato a fare i conti lo scorso autunno significa rischio minimo. 
Il presidente della Regione Molise, Donato Toma, ha emanato una nuova ordinanza avente ad oggetto ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. In considerazione del passaggio in "zona bianca" della regione, nel rispetto delle “Linee guida per la riapertura delle attività economiche e sociali”, adottate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, e degli altri protocolli, è autorizzata la riapertura di diverse attività economiche e sociali: attività di ristorazione, anche in luogo chiuso, attività di piscine e centri natatori anche in impianti coperti, attività dei centri benessere, attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, anche se svolte all'interno di locali adibiti ad attività differente, attività dei parchi tematici e di divertimento, attività dei centri culturali, centri sociali e centri ricreativi, feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, anche al chiuso, con la prescrizione che i partecipanti siano muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all'articolo 9 del decreto-legge n. 52 del 2021, corsi di formazione pubblici e privati in presenza, svolgimento in presenza di fiere, attività dei centri termali. 

Salta il limite di quattro commensali al tavolo, è indispensabile avere in tasca o in borsa il green pass per andare al banchetto di un matrimonio, non solo in area gialla, ma anche in zona bianca. Al bar è consentita la consumazione al banco, ma rispettando il distanziamento.

Cosa è consentito:

É consentita la consumazione al banco nei bar?

La consumazione al banco è consentita dal 1° giugno, ma è necessario assicurare una distanza interpersonale di almeno un metro tra i clienti (che passa a due metri se si passa in uno scenario di rischio).

C’è un limite alle persone che possono entrare nel bar?

Se non ci sono posti a sedere deve essere consentito l’ingresso a un numero limitato di clienti per volta, in base alle caratteristiche dei singoli locali, in modo che sia assicurato il distanziamento di un metro (due se c’è un quadro epidemiologico di rischio).

I centri commerciali sono aperti nel fine settimana?

Sì, i centri commerciali sono stati riaperti nei fine settimana dal 22 maggio 2021, anche in zona gialla. Le riaperture hanno interessato gli esercizi commerciali all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali e altre strutture assimilabili.

Possono riaprire i centri sociali e culturali?

É previsto che in zona bianca possano restare aperti centri culturali, centri sociali e centri ricreativi. Riaperture che invece in zona gialla scatteranno dal 1° luglio.

In zona bianca resta in vigore il coprifuoco?

No, il coprifuoco non è in vigore in fascia bianca, quindi si può liberamente circolare. In zona gialla invece fino al 6 giugno è in vigore il coprifuoco dalle 23 alle 5 del mattino. Dal 7 giugno il coprifuoco è fissato dalle 24 alle 5 del mattino. Dal 21 giugno anche in zona gialla scompare il coprifuoco.