DECRETO RILANCIO, FANELLI (PD): TOMA CI DICA QUALI SONO STATI GLI INTERVENTI SULLE CASE IACP DELL'EX SUPERBONUS - Molise Web giornale online molisano

Decreto Rilancio, Fanelli (Pd): Toma ci dica quali sono stati gli interventi sulle case Iacp dell'ex superbonus

"Un’occasione irripetibile per ristrutturare, consolidare ed efficientare, finalmente, gli alloggi di proprietà dell'Istituto Autonomo Case Popolari. Il Decreto Rilancio ha, infatti, prorogato dal 31 dicembre 2022 al 20 giugno 2023 la detrazione fiscale del 110% (il cosiddetto Superbonus) per i fabbricati dello IACP, permettendo, in questo modo, di andare a sanare tutte le problematiche abitative, da anni lamentate dagli inquilini".
 
Lo ha dichiarato in una nota la consigliera regionale Micaela Fanelli che ha aggiunto: "Per comprendere lo stato dell'arte sugli interventi previsti, le relative progettazioni ed i tempi di realizzazione, ho chiesto al presidente della Regione, Donato Toma, e ai Commissari liquidatori dello Iacp, informazioni dettagliate sugli interventi edilizi – ex superbonus 110% - che l’Istituto ha intenzione di realizzare prima della scadenza della misura governativa, con la speranza che lo stesso si sia già attivato in tal senso, avviando le procedure richieste per l'apertura, nel più breve tempo possibile, dei cantieri.Altre regioni, come il Lazio, hanno accelerato il passo, presentando addirittura a marzo scorso il piano per l'edilizia pubblica con l'utilizzo dell'ecobonus per circa 12 mila alloggi popolari. La speranza resta, quindi, che anche il Molise sia in grado di non disperdere questa storica opportunità di miglioramento edilizio di cui altre realtà territoriali hanno già fatto tesoro.  
 
Non cogliere i vantaggi previsti dalla proroga della normativa equivarrebbe, infatti, ad aggravare le condizioni strutturali degli alloggi Iacp, molti dei quali attendono da anni profondi interventi di manutenzione straordinaria. Senza dimenticare che, grazie al superbonus, i fabbricati potranno essere migliorati anche sotto il profilo energetico, contribuendo così a ridurre le spese di gestione e aumentare il rispetto ambientale".