RISTABILITO IL DIRITTO AD ESPRIMERSI IN CONSIGLIO REGIONALE, ARCHIVIATA LA DENUNCIA DI PAPA E PETESCIA A NUNZIA LATTANZIO - Molise Web giornale online molisano
Posizione archiviata anche per l'ex presidente Frattura

Ristabilito il diritto ad esprimersi in consiglio regionale, archiviata la denuncia di Papa e Petescia a Nunzia Lattanzio

Si chiude con un'archiviazione, questa volta a favore di politici dell'undicesima legislatura, l'ennesima vicenda giudiziaria scaturita dalla lotta tra Paolo di Laura Frattura (ex presidente della Giunta) e la coppia Manuela Petescia e Fabio Papa. La persona coinvolta era l'ex consigliera regionale Nunzia Lattanzio insieme allo stesso Presidente Frattura, denunciata per alcune dichiarazioni rese in aula durante una mozione di sfiducia rivolta all'ex presidente e presentata dall'allora consigliere regionale e oggi deputato Antonio Federico. Mozione che derivava dal processo relativo alla ormai famosa cena tra Frattura e Petescia. L'annuncio dell'archiviazione è arrivato direttamente sul profilo facebook dell'esponente politica eletta nel 2013 nella lista Udeur. 
 
 
"Dopo circa 4 anni dalla fine del mio mandato elettivo di consigliera regionale del Molise - dichiara Nunzia Lattanzio - mandato che intesi assumere nel 2013 con onestà, con onore e dedizione (un pugno di voti sparsi, neanche espressi in mio favore da diretti familiari, non avendo origini molisane, e la scelta del listino maggioritario di Niro), scevra e distante da qualsiasi interesse personale, salda invece solo a quello di far bene, nei limiti delle mie possibilità, secondo i dettami dei più alti principi costituzionali e collettivi, le diverse denunce presentate rispettivamente da Fabio Papa e da Manuela Petescia nei mei confronti e nei confronti di Paolo di Laura Frattura (di cui al procedimento N. 769/2020 R.G.N.R. e N. 2733/2020 -Tribunale di Bari Sezione del Giudice per le Indagini preliminari), sono state archiviate dal G.I.P. Dott. Francesco Mattiace, su richiesta del Procuratore della Repubblica facente funzioni Dott. Roberto Rossi e del Procuratore aggiunto Dott. Francesco Giannella.  Per quanto mi riguarda, la questione insorse in merito alle dichiarazioni in Aula da me espresse, in un intervento politico, sulla Mozione di sfiducia al Presidente della Giunta a firma del collega Antonio Federico. Decorso molto tempo da allora, sono sempre più convinta che i processi vadano trattati solo nelle Aule di Giustizia, e che la partecipazione attiva alla giurisdizione non debba passare per la 'Politica' attraverso lo strumento statutario di un atto di mozione".
 
Alla prima pronuncia di archiviazione Papa e Petescia avevano presentato opposizione. Ma anche questo atto è stato dichiarato inammissibile "Alla luce delle superiori considerazioni, la richiesta di archiviazione deve essere accolta. P.Q.M. Visti gli artt. 409 e 410 c.p.p., dichiara inammissibile e comunque rigetta l'opposizione e dispone l'archiviazione del procedimento e la trasmissione degli atti all'Ufficio del P.M. Manda alla Cancelleria per gli adempimenti di competenza. Bari, 17 giugno 2021. Il giudice Francesco Mattiace"