LO STUPENDO BORGO DI BAGNOLI DEL TRIGNO, IN ESTATE RIVIVE LA MAGIA DEL MEDIOEVO - Molise Web giornale online molisano

Concerto all'alba di Simone Sala al MAC, appuntamento con musica, arte e cultura: il 18-19 a Oratino

DIRETTA

Lo stupendo borgo di Bagnoli del Trigno, in estate rivive la magia del medioevo

Mete per gite fuori porta oppure località per le vacanze estive fuori dalle rotte del turismo di massa, questo è il luogo giusto. Il Molise è una regione ancora da scoprire e spesso sottovalutata. Eppure gli elementi per diventare meta di villeggiatura ci sono tutti.  
Parleremo di Bagnoli del Trigno. Paese dell’entroterra molisano arroccato sulla collina. Le sue origini  si perdono nella notte dei tempi e affondano le radici in lontane leggende. Le più famose ne spiegano il nome: il duca che fondò il paese pare si abbeverasse alle acque del fiume Trigno. Altre vogliono che l’etimo di “Bagnoli” derivi da “Balneoli”. Antichi agglomerati di case sorte nei pressi di una fonte termale.
È difficile individuarne l’origine anche dall’architettura. Le stratificazioni storiche si leggono in ogni edificio del paese fino a perdersi a prima dell’epoca romana.
La chiesa di San Silvestro Papa
Il paese ha molte chiese ma la più particolare da visitare è questa che si trova incastonata fra le rocce e domina l’abitato. Solo due lati sono liberi, quello del portale gotico e quello del campanile.
Il castello ducale di San Felice
è l’altro edificio storico che merita una visita. Anch’esso arroccato in cima alla montagna a 783 m di altezza. Il castello è di origine normanna, intorno all’XI secolo. Nel tempo ha continuamente subito modifiche, aggiunte e restauri.
La piazza principale
si chiama piazza Olmo. Nel cuore di Bagnoli di Sotto. Ha una caratteristica forma a ventaglio e bellissime mattonelle policrome ne delineano la decorazione. Nel paese si respira una suggestiva atmosfera di mistero e di antico. I bagnolesi ne sono molto fieri e non mancano le sagre e le rievocazioni storiche medievali che coinvolgono e affascinano il visitatore.
Da non perdere la festa di Santa Caterina il 18 agosto.  Nel paese si respira il medioevo, si indossano gli abiti storici e si sfila per le vie dell’antico borgo. Si gustano cibi tipici in particolari ciotoline spostandosi di bottega in bottega e si paga tutto con una valuta tipica che si acquista all’inizio del paese.  La suggestione aumenta con lo spettacolo pirotecnico. Ecco come ha origini dalle leggende lo stupendo borgo molisano che in estate rivive la magia del medioevo e sa incantare i turisti.