EUTANASIA LEGALE, DA OGGI PARTE LA RACCOLTA DI FIRME IN MOLISE. FALLICA: UNA CONQUISTA DI CIVILTÀ POTER RENDERE POSSIBILE QUESTO DIRITTO - Molise Web giornale online molisano

Eutanasia legale, da oggi parte la raccolta di firme in Molise. Fallica: una conquista di civiltà poter rendere possibile questo diritto

di Viviana Pizzi
 
Parte oggi dal Molise la battaglia del Comitato molisano per l'eutanasia legale che si rifà a Coscioni. Per ora in Italia è ancora illegale e lo può fare soltanto chi ha i soldi per andare a morire in Svizzera come ha fatto Dj Fabo. I comitati in tutta Italia, come anche in Molise, le persone che hanno aderito con sottoscrittori e simpatizzanti hanno messo a disposizione il loro impegno per arrivare all'obiettivo del referendum per rendere il fine vita legale. Ci vogliono 500mila firme in tutta Italia e il tema è trasversale. C'erano del Movimento Cinque Stelle il sottoscrittore Matteo Fallica, il sindaco di Campobasso Roberto Gravina e i consiglieri regionali Andrea Greco ed Angelo Primiani. Per il Pd i consiglieri comunali Giose Trivisonno e Alessandra Salvatore e il segretario regionale del partito socialista Marcello Miniscalco. 
 
In Molise il primo banchetto oggi in piazza Municipio, domani ci si sposta a Campomarino e poi a Guglionesi. Sperando che altri primi cittadini mettano a disposizione il proprio territorio per una battaglia di civiltà che altrimenti fa rimanere indietro solo l'Italia rispetto agli altri Paesi dell'Europa.
 
 
 
Colpa, come sostiene lo stesso Fallica, della continua ingerenza della Chiesa in cose di uno Stato che dovrebbe essere laico. Tra le sottoscrittrici due note avvocate molisane, Mariangela Di Biase e Maria Elena Verde che in prima persona, dopo l'appello di Mina Welby ci hanno spiegato l'importanza dei autenticatori delle firme. Basta che qualcosa vada storto per mettere a repentaglio una cosa importante. Nessuno obbligherà i cittadini a scegliere l'eutanasia in caso di incidenti gravi. Ma con la vittoria del Referendum ci sarà la possibilità di scegliere di non rimanere vegetali per anni come avvenne per Eluana Englaro e per lo stesso Piergiorgio Welby.