DA OGGI VIETATI I PRODOTTI IN PLASTICA MONOUSO: ECCO QUALI - Molise Web giornale online molisano

Da oggi vietati i prodotti in plastica monouso: ecco quali

Bastoncini cotonati, palloncini, contenitori per le bevande: da domani, 3 luglio, scatta il divieto in tutta l'Unione Europea di vendere prodotti in plastica monouso.
Entrerà in vigore domani, 3 luglio, la direttiva europea per contrastare l'abuso delle plastiche e, soprattutto, il loro scorretto smaltimento. In ogni Paese dell'Unione Europea molti prodotti a base di plastica (interamente o in parte) non potranno più essere immessi sul mercato; per altri, come gli attrezzi per la pesca, sarà richiesto di sottostare a nuove regole più vincolanti.
Il principale obiettivo della direttiva è quello di ridurre i rifiuti marini, per l'80% costituiti dalla plastica.
Cos'è la plastica monouso
La direttiva identifica come prodotti in plastica monouso quelli che sono "fatti di plastica in tutto o in parte, generalmente destinati a essere utilizzati una sola volta oppure per un breve periodo di tempo prima di essere gettati". Ciò significa che vengono considerati tali anche quei prodotti realizzati, per esempio, prevalentemente in carta, ma con l'aggiunta della plastica al fine di aumentarne la resistenza. 
"Quando questo tipo di prodotti come tazze, contenitori o piatti per alimenti  vengono gettati via, la carta si degrada in maniera relativamente rapida, ma la parte di plastica può rimanere nell'ambiente per molti anni e può potenzialmente disintegrarsi ulteriormente in particelle di microplastica" specifica la Commissione Europea in una pagina di domande e risposte sulla direttiva.
In particolare, la Commissione Europea ha precisato che la direttiva è finalizzata a ridurre gli sprechi: escludere dalla direttiva prodotti realizzati solo in parte in plastica "indebolirebbe il suo impatto sulla riduzione dei rifiuti marini e sulla promozione di un'economia più circolare".
Quali prodotti saranno vietati
L'elenco della Commissione Europea prevede che dal 3 luglio i seguenti prodotti non potranno più essere in plastica, interamente o in parte:
Palloncini
Aste per palloncini
Contenitori per le bevande di vario tipo (compresi i coperchi) e mescolatori per bevande
Posate
Bastoncini cotonati
Contenitori per il cibo in polistirene
Borse leggere in plastica
Piatti
Tamponi e assorbenti
Cannucce
Prodotti per il tabacco con filtri e filtri commercializzati per essere usati insieme ai prodotti per il tabacco
La lista include prodotti per i quali sul mercato, secondo la commissione, esistono dei prodotti alternativi facilmente accessibili, per esempio realizzati interamente in carta.
L'elenco dei prodotti che saranno vietati dal 3 luglio include anche la plastica biodegradabile. Secondo la Commissione Europea, "attualmente non esistono norme tecniche ampiamente condivise per certificare che un determinato prodotto di plastica sia adeguatamente biodegradabile nell'ambiente marino in un breve lasso di tempo e senza causare danni all'ambiente".
La prossima revisione della direttiva, prevista nel 2027, potrebbe includere nuove valutazioni sulla plastica biodegradabile.
E i prodotti per la pesca?
I prodotti in plastica monouso destinati alla pesca non saranno vietati, ma dovranno comunque rispettare determinati obblighi. In particolare, sono state decise altre misure, come:
obblighi di etichettatura;
regimi di responsabilità estesa del produttore (principio "chi inquina paga");
campagne di sensibilizzazione;
specifiche di progettazione.
Il fine è di "limitarne l'uso, ridurne il consumo ed evitarne la dispersione nell'ambiente.
Gli Stati membri, inoltre, sono tenuti a garantire che "determinati prodotti di plastica monouso immessi sul loro mercato rechino sul prodotto o sul suo imballaggio una marcatura per informare i consumatori della presenza di plastica nel prodotto e del metodo appropriato di smaltimento dei rifiuti evitando di disperderli nell'ambiente".