SANITÀ, M5S: "LA REGIONE ACQUISISCA IL GEMELLI, SULLE CARENZE DEL 118 SCELTE INSPIEGABILI" - Molise Web giornale online molisano

Sanità, M5S: "La regione acquisisca il Gemelli, sulle carenze del 118 scelte inspiegabili"

 Doppia azione dei portavoce del  Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale, sul tema della sanità con particolare riferimento alla notizia sulla possibile messa in vendita della Gemelli Molise spa e sulle difficoltà del servizio di 118:

«Le voci sulla vendita della struttura che accoglie la Fondazione Gemelli a Campobasso destano grosso scalpore. Se confermate, la Regione dovrà far di tutto per scongiurare che l’hub regionale, il Cardarelli di Campobasso, sia nel tempo assorbito da Gemelli Molise per poi passare in gestione ai privati che avrebbero già pronte proposte d’acquisto.

Al contrario riteniamo che il pubblico debba riprendersi quanto è stato costruito per gran parte con soldi pubblici.
Il Molise ha bisogno di chiarimenti ma riteniamo che, qualora vi fosse la reale opportunità, la Regione debba acquisire la struttura: sarebbe un’occasione per risolvere alcuni dei problemi organizzativi della sanità pubblica molisana.

La Regione non può restare a guardare così come ha fatto quando c’è stata la trasformazione da Fondazione Cattolica in Gemelli Molise spa con una voltura praticamente automatica degli accreditamenti, in assenza di un organismo che li controllasse. Deve invece giocare da protagonista al tavolo delle trattative facendo pesare ai privati il fatto che i contratti di accreditamento sono scaduti già dal 2018 e, ad oggi, ancora attendono di essere rivisti.

Abbiamo depositato un’interpellanza urgente indirizzata al presidente Toma per chiedere chiarimenti sulla presunta vendita di Gemelli Molise. Vogliamo sapere fin da subito cosa intende fare la maggioranza per scongiurare ulteriori speculazioni sulla sanità pubblica e cosa si sta facendo per promuovere una rilevazione degli asset societari della Gemelli e degli immobili di proprietà dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
Insomma: acquisire tutto senza lasciar spazio ad altri privati e concretizzare l’integrazione tra la stessa Gemelli e il Cardarelli, stando però ben attenti che sia il pubblico ad acquisire il privato e non viceversa. Non dimentichiamo, infatti, che l’attuale Gemelli Molise ha sempre attinto a fondi pubblici, sia in fase di costruzione che di esercizio.

Ma c’è un altro tema che ha bisogno di risposte immediate. Nei giorni scorsi 14 sindaci del basso Molise hanno diffidato l’Asrem contro la sostituzione della postazione medica del 118 di Castelmauro con una postazione demedicalizzata accorpata a Trivento.

Questa decisione sconfessa quanto previsto dal Piano operativo sanitario 2015-18 e potrebbe avere un impatto negativo sulla risposta alle tempo-dipendenze come già evidenziato dai verbali del Tavolo tecnico del 2019.
Il quadro è aggravato dal fatto che, a quanto pare, la sostituzione del servizio coinvolgerà anche le postazioni di Sant’Elia a Pianisi e Cerro al Volturno. Inoltre, ad oggi, l’Asrem non prevede alcuna postazione medicalizzata per l’area di Campomarino che, così, molto probabilmente si avvarrà di quelle di Larino e di Santa Croce di Magliano.
In pratica il basso Molise sarà costretto a gestire il periodo di massimo afflusso turistico soltanto con le postazioni 118 di Montenero di Bisaccia, Termoli, Larino e Santa Croce.

Le dichiarazioni di Florenzano, che denuncia la carenza di personale per tutte le postazioni 118 medicalizzate del Molise, non sono sufficienti né accettabili. Soprattutto se pensiamo che solo il 21 giugno scorso l’Asrem ha pubblicato l’avviso per reperire 25 medici per l’emergenza territoriale SET 118 con incarico libero professionale di sei mesi.
Chiediamo al presidente Toma di chiarire in Aula con quali provvedimenti sono state assunte certe decisioni e di audire in IV Commissione il Dg Asrem Oreste Florenzano per conoscere gli atti programmatici alla base di tali scelte. »