ALZIAMO IL NOSTRO LIVELLO CULTURALE CON I POETI FERRANTE E MOSESSO - Molise Web giornale online molisano

Alziamo il nostro livello culturale con i poeti Ferrante e Mosesso

Dopo aver parlato di serie TV, di gang gang e trappettate varie, era arrivato il momento di alzare il livello culturale di questa trasmissione. Ciò è stato possibile grazie alla presenza (virtuale) di Marilena Ferrante, scrittrice, giornalista, insegnante e poetessa molisana, e di Carmine Valentino Mosesso, 27 anni, anche lui poeta. Ci voleva proprio.

Nel libro di poesia Gli occhi del silenzio, di Marilena Ferrante, ci introduce in una terra misteriosa dove le sue parole sono una garanzia di riflessione e di benessere.  Il sangue degli innocenti si aggrappa al grido della disperazione, al flusso di coscienza, confluendosi in ogni angolo della bellezza per sconfinare nelle notti profonde e scomparire dentro il leggero fruscio delle stelle cadenti. La penna di Marilena non rimane in superficie, scava a fondo, oltre ogni possibile visione, trasportandoci sulla scia di una vita lontana, come in un sogno senza fine.

"La terza geografa", di Carmine Valentino Mosesso, è il racconto di qualcosa che reputiamo antico ma che qui diventa nuovo. Un richiamo chiarissimo per indicare una direzione alternativa, intima e universale. Una voce appassionata che ne raccoglie altre, quelle dimenticate, quelle lontane dal clamore odierno, quelle che sussurrano nel sibilare del vento, tra le cortecce di un albero, tra le pietre di una strada che si fa vicolo, che si fa sentiero, che si fa natura. Una voce semplice e immediata, come queste poesie.

Volete sapere di cosa abbiamo parlato? Se ti piace la cultura e pensi di essere studiato, clicca play e scoprilo tu stesso (anzi, stess*). Se invece sei un trappettaro e la cultura non fa per te, ok bro, ci sta. Però clicca play lo stesso. Male non ti fa. Fidati. 

Last but not least, ricordati di seguire su Instagram Marilena (clicca qui) e Carmine (esatto, clicca qui). Ah, e anche me, ovviamente. Clicca sempre qui.

Non ringraziarci. Anzi, sì, fallo e metti anche un bel yes al post.