AFGHANISTAN, LA COMMISSIONE PARI OPPORTUNITÀ DEL MOLISE CHIEDE CORRIDOI UMANITARI PER LE DONNE - Molise Web giornale online molisano

La cultura in Molise: esiste?

DIRETTA

Afghanistan, la commissione pari opportunità del Molise chiede corridoi umanitari per le donne

La Commissione per la Parità e le Pari opportunità della Regione Molise, aderisce all'appello della Conferenza nazionale degli organismi di parità chiedendo di creare corridoi umanitari con l'Afghanistan per proteggere in particolare ragazze, donne e bambine, nel rispetto dei diritti fondamentali della persona, dopo il ritorno al potere dei Talebani. "Come Commissione ci rivolgiamo anche al Governo regionale, affinché nell'ambito e nel rispetto delle sue competenze, possa prendersi un impegno forte", afferma la presidente  Maria Grazia La Selva, membro della Conferenza nazionale degli organismi di Parità “Finché le ragazze, le donne, le bambine nel mondo saranno esposte alla sopraffazione, umiliazione e violenza di uomini senza scrupoli e dignità, sarà responsabilità della Comunità internazionale impedire la violazione dei diritti umani che ruba il futuro dell’intera umanità. Nel caso dell’Afghanistan e per il ruolo che abbiamo avuto, la responsabilità dell’Occidente e dell’Europa ci richiama a non rassegnarci all’impotenza di fronte alle immagini e alle notizie drammatiche che ci giungono da Kabul. Dopo la mobilitazione del Governo per far rientrare i connazionali e i collaboratori esposti ad altissimi rischi di ritorsione, è il tempo di fare la differenza per attivare tutti gli strumenti istituzionali, politici, diplomatici per un piano di corridoi umanitari e di accoglienza che limiti la crisi umanitaria in atto in particolare per donne e bambine già oggetto di predazione. Verrà il tempo dell’analisi. Ora è il tempo dell’emergenza. Il tempo per fare la cosa giusta. Ci associamo, dunque, all’esortazione del segretario generale dell’Onu Antonio Guterres durante la riunione di emergenza del Consiglio di Sicurezza sull’Afghanistan di “proteggere i civili”, nonché all’impegno espresso dal Presidente Draghi per il quale “ora occorre tutelare i diritti umani e in particolare quelli delle donne”. Ci appelliamo affinché nulla resti intentato e offriamo l’impegno quotidiano profuso sui territori come rafforzamento di consapevolezza e determinazione per fare la differenza in questo tratto di storia.”