UN AMORE CHIAMATO FIAT 500, DOMENICA TORNA IL RADUNO NAZIONALE A CAMPOBASSO - Molise Web giornale online molisano

Un amore chiamato Fiat 500, domenica torna il raduno nazionale a Campobasso

Dopo lo stop forzato a causa della pandemia del 2020, torna domenica 29 agosto a Campobasso il raduno nazionale delle Fiat 500 organizzato dal locale club del presidente Bruno Gazzillo con il patrocinio della Regione Molise e dei comuni di Campobasso e Ripalimosani. Sarà una domenica speciale per gli amanti della mitica vettura di casa Fiat che si ritroveranno un po’ da tutta Italia e non solo, per trascorrere una domenica in compagnia nel segno del ‘Cinquino’. L’appuntamento per tutti i partecipanti è alle ore 8 di domenica mattina lungo corso Vittorio Emanuele dove ci sarà l’allineamento delle vetture e l’iscrizione al raduno. Un’ora più tardi ci sarà la colazione offerta dagli organizzatori a tutti gli equipaggi presso il Bar Centrale. Alle 11 la carovana accenderà i motori e, attraversando alcune vie del centro città, si dirigerà verso Ripalimosani. Nel paese alle porte del capoluogo ci sarà un rinfresco offerto dalla locale Pro Loco e dall’amministrazione comunale. Dopo una breve visita il gruppo si dirigerà nuovamente in città dove, presso il Centrum Palace ci sarà il consueto pranzo, momento conviviale e di aggregazione, al termine del quale sono previste le premiazioni. Riconoscimenti verranno assegnati al Club 500 più numeroso, al club più numeroso proveniente da più lontano, alla Fiat 500 singola proveniente da più lontano e alla vettura più vecchia in assoluto. “Siamo contenti di essere riusciti ad organizzare nuovamente questo raduno a Campobasso dopo lo stop forzato dell’anno passato a causa del covid – spiega il presidente del Club 500 Bruno Gazzillo – sarà una giornata importante che ci consentirà di mettere alle spalle quanto successo e di vivere in allegria, condividendo una passione, quella per la 500 che lega tutta l’Italia. Stiamo lavorando alacremente insieme a tutto il direttivo per mettere su questo evento con l’auspicio che possa essere una domenica indimenticabile”.