ELEZIONI COMUNALI, ECCO IL PROGRAMMA DI "INSIEME PER CASACALENDA" - Molise Web giornale online molisano

Elezioni comunali, ecco il programma di "Insieme per Casacalenda"

La lista civica “Insieme per Casacalenda – Antonio Galasso Sindaco” si candida ad amministrare il paese tenendo presente le esigenze di tutti i Cittadini con la  MORALITÀ, l’ONESTÀ e la TRASPARENZA che la caratterizzano. I Casacalendesi saranno al centro delle decisioni, le loro istanze il punto cardine dell’Amministrazione  Comunale. 

In questo programma sono sintetizzati i principali obiettivi che i candidati si  porranno in caso di vittoria delle elezioni. Gli intenti qui racchiusi non sono esaustivi  dell’azione di governo che si intenderà intraprendere. Saranno ampliati in campagna  elettorale a seguito dell’ascolto diretto della popolazione residente. 

Punti programmatici 

1. La prima promessa solenne che tutti i candidati fanno ai casacalendesi è  quella di non considerare nemici i propri avversari politici ed i rispettivi  elettori/simpatizzanti. Una volta avvenuta la proclamazione degli eletti, non  ci sarà la divisione tra cittadini elettori e non elettori della lista. TUTTI  avranno gli stessi diritti e gli stessi doveri. TUTTI potranno accedere ai  servizi comunali con le stesse modalità. NESSUNO sarà discriminato per  aver votato o non votato la lista o quel candidato particolare. Nelle scelte  importanti e decisive per la comunità, sarà comunque presa in  considerazione la posizione della minoranza. Verrà, in buona sostanza,  ripristinata la pace sociale e sarà garantito solo il bene comune. 

2. Organizzazione comunale 

La gestione commissariale ha evidenziato le lacune organizzative della macchina  amministrativa. La scelta fatta nel passato di rivolgersi a professionisti non  sempre all’altezza del compito loro affidato e il non aver rimpiazzato, attraverso  l’indizione di concorsi pubblici, i Dipendenti andati in pensione, hanno reso  ingestibile tutto l’apparato tecnico-burocratico-operativo del Municipio.  Dovranno essere pertanto, nel più breve tempo possibile, aumentate le risorse  umane a disposizione dell’Amministrazione Comunale utilizzando tutti i modi 

consentiti dalle norme vigenti (concorsi pubblici, assunzioni dirette, art. 110 del  D.Lgs 267/2000, ecc…) per una gestione più regolare della cosa pubblica.  Nell’ottica, infatti, che entro un paio d’anni rimarrà un solo Dipendente comunale,  le scelte dovranno essere prese nel più breve tempo possibile. 

3. Servizi al cittadino 

a. Le fasce più deboli della nostra comunità sono i giovani e gli anziani. Il futuro  e la memoria storica. Due mondi che devono interagire e che hanno bisogno  l’uno dell’altro. Entrambi hanno necessità di spazi a loro dedicati e per questo  si lavorerà per individuare le strutture adatte che possano essere messe a  disposizione per socializzare, divertirsi, condividere esperienze, imparare cose  nuove, raccontare ed ascoltare storie. 

b. Vista la grande richiesta di posti nella nostra Casa di Riposo “Mater Dei”, si  lavorerà per ampliare l’offerta ricettiva della struttura. 

c. Il punto prelievi nell’ambulatorio comunale in Piazza Nardacchione, che è  stato attivo fino a qualche anno fa, potrà essere ripristinato grazie anche alla  collaborazione di volontari che già hanno manifestato la loro disponibilità. 

d. Occorre valorizzare anche la Ludoteca comunale facendola diventare punto di  riferimento per i piccoli cittadini che la potranno utilizzare anche per fare i  compiti, laboratori artistici e musicali attraverso progetti specifici finanziati  dall’Ambito Territoriale Sociale o dalla Regione Molise.  

e. Le politiche di accoglienza ed integrazione saranno implementate. Per i  candidati della lista, i migranti sono considerati una risorsa culturale e sociale.  I minori non accompagnati dovranno tornare a Casacalenda nella struttura di  Via Scipione Di Blasio grazie alla conclusione della procedura di gara avviata  l’anno scorso e poi sospesa dal Commissario Straordinario. 

f. Più attenzione dovrà essere rivolta nei confronti dei cittadini con disabilità e  con difficoltà deambulatorie. L’abbattimento delle barriere architettoniche e  l’installazione di ausili alla mobilità sulle salite/discese dei nostri vicoli,  potrebbero essere una prima risposta concreta alle loro esigenze.  

g. Anche per i nostri amici a 4 zampe sarà necessario intervenire con urgenza.  La chiusura del canile realizzato dalla Comunità Montana “Cigno Valle  Biferno” e la fine (31 dicembre 2021) dell’Unione dei Comuni “Castello di  Gerione” non consentono di intervenire con puntualità sul problema del  randagismo. Sarà necessario, attraverso protocolli d’intesa con il Comune di  Ripabottoni, con l’A.S.Re.M., con la Regione Molise e collaborazioni con le  Associazioni di volontariato animalistiche, recuperare e rimettere in funzione  il canile per il ricovero degli animali abbandonati. 

4. Progettualità, opere pubbliche e territorio 

a. Il totale disinteressamento al territorio che è stato registrato negli ultimi anni,  ha causato danni che sarà difficile riparare ma non impossibile. Il decoro  urbano, oggi al limite dell’indecenza e biglietto da visita di un paese che vuole  definirsi civile, sarà punto imprescindibile. Non si possono consentire più  atteggiamenti di abbandono e di trascuratezza, si dovrà intervenire per ridare  una immagine di pulizia e di ordine a Kalena a cominciare dal centro storico  di Terra Vecchia. 

b. Non si ha contezza di finanziamenti ottenuti per opere pubbliche; c’è la  certezza, però, che per le tre progettazioni esecutive affidate per la  mitigazione del rischio idrogeologico, è intervenuto l’Ordine degli Ingegneri  di Campobasso chiedendone la revoca in autotutela per palesi violazioni di  legge. Accertate le responsabilità e la fondatezza delle richieste, pertanto, si  cercherà di non perdere i finanziamenti chiedendo proroghe e riaffidando gli  incarichi professionali. 

c. Con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio immobiliare esistente, sarà  finalmente trovata una soluzione per la gestione, a fini turistico-ricettivi, del  palazzo Franceschini in Terra Vecchia e si riproporrà l’affidamento  all’A.S.Re.M. della struttura vicino al Santuario della Difesa quale centro per  l’ippoterapia. 

d. Importantissimo sarà riprendere il dialogo istituzionale con la Regione Molise  per intercettare tutti i finanziamenti utili alla realizzazione di opere pubbliche. 

Tra le opere primarie da finanziare ci sarà sicuramente la rete idrica che è in  pessime condizioni e crea disagio alla popolazione soprattutto nel periodo  estivo. Anche la viabilità interna e quella interpoderale dovranno essere  oggetto di finanziamento per risolvere alcuni problemi diventati atavici. 

e. Il futuro in queste piccole realtà è nella valorizzazione dei propri prodotti  enogastronomici e nella promozione delle produzioni biologiche. In questo  senso sarà auspicabile la ripresa delle attività del Biodistretto dei Laghi  Frentani di Larino, di cui Casacalenda è partner, e, grazie alla Legge  Regionale 19 ottobre 2020 n. 10, sfruttare le possibilità offerte per i “Distretti  del cibo” pubblicizzando le iniziative e facendo formazione e informazione. 

f. Massimo sarà l’impegno per riqualificare le fontane più importanti fuori dal  centro abitato di Casacalenda attraverso la pulitura dalla folta vegetazione ed  il recupero delle acque. 

g. Con una collaborazione con la Provincia di Campobasso, ente proprietario, e  recuperando fondi a livello nazionale ed europeo, è intenzione dei componenti  della lista “Insieme per Casacalenda”, recuperare la viabilità ciclopedonale  della amata Via Guardialfiera/Via della Resistenza attraverso la costruzione di  un percorso panoramico per passeggiate a piedi ed in bicicletta.  

h. Per venire incontro alle esigenze abitative, tenuto conto anche degli immobili  già a disposizione, sarà necessario indire subito un bando per l’assegnazione  di alloggi popolari. 

i. Quando sarà possibile affidare direttamente lavori, servizi o forniture, saranno  privilegiati i commercianti, gli artigiani, le imprese, le cooperative e i  professionisti locali. Casacalenda offre tutto il necessario e gli imprenditori  locali si sono sempre distinti per la qualità del loro lavoro. 

5. Cultura, Turismo e tempo libero 

a. La pandemia da Covid-19, purtroppo, ha reso quasi impossibile lo  svolgimento di attività culturali. Grazie ai vaccini ed al cambio di alcune  abitudini, però, le cose stanno rientrando nella normalità. L’impegno dei  candidati della lista “Insieme per Casacalenda”, è quello di far tornare 

 

Casacalenda protagonista nella scena culturale regionale e nazionale. Aderire  al progetto “Molise è Cultura” della Regione Molise proponendo iniziative  volte alla promozione e valorizzazione dei Musei di Casacalenda: il MAACK  (Museo all’Aperto d’Arte Contemporanea Kalenarte), la Galleria Civica  d’Arte Contemporanea “F. Libertucci”, il Museo del Bufù, la Galleria del  Giro del Cigno ed il sito archeologico di Gerione. L’obiettivo è quello di  raddoppiare le risorse economiche del bilancio comunale grazie al  finanziamento regionale. I presidi culturali dovranno diventare attrazioni  turistiche ed essere visitabili tutto l’anno.  

b. Anche per il Teatro Comunale sarà possibile trovare soluzioni con la  Fondazione Molise Cultura e riprendere la programmazione di spettacoli  valorizzando anche le produzioni locali. Il Cinema, appena le condizioni  sanitarie lo consentiranno, dovrà tornare a funzionare per tutta la stagione e a  pieno regime tornando ad essere punto di riferimento anche per i paesi  limitrofi. MoliseCinema, continuerà ad essere punto di forza dell’estate  casacalendese. 

c. Casacalenda è ricca di tradizioni, rituali e devozioni che hanno bisogno di  quella sponsorizzazione e pubblicizzazione che li possa rendere attrattivi e mete turistiche durante tutto l’anno. In questo senso sarà opportuno realizzare  una piattaforma digitale comunale in grado di veicolare i vari eventi  utilizzando i più moderni social network. Per l’organizzazione di tutte le  iniziative, occorrerà dare una mano per rifondare la Pro-Loco e farla riaffiliare  all’UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) per rientrare nelle  agevolazioni riservate agli iscritti. Solo la Pro-Loco, infatti, potrà gestire tutte  le iniziative. 

d. Il Forum della Cultura, istituito qualche anno fa e mai partito concretamente,  sarà ripristinato e diverrà il punto di riferimento per la programmazione,  finanziamento e realizzazione di tutte le attività che si vorranno avviare. Per il  buon funzionamento del consesso, sarà necessario che tutte le realtà  associative e culturali presenti a Casacalenda ne facciano parte.

Programma elettorale della Lista INSIEME PER CASACALENDA – Antonio Galasso Sindaco 

e. Al polo scolastico di Casacalenda, vera industria culturale, dovrà essere data  massima attenzione. Tutte le esigenze e le richieste provenienti dalle nostre  Scuole, dovranno essere soddisfatte. La promozione dell’offerta formativa  delle Scuole Secondarie dovrà essere al centro dell’attenzione  dell’Amministrazione Comunale. 

f. Massima sarà l’attenzione per incentivare e facilitare la pratica di sport a  Casacalenda. Dovrà essere rivista e migliorata la gestione degli impianti  sportivi attualmente in capo alla Polisportiva Kalena 1924. I sacrifici,  l’impegno, la passione, i risultati sportivi e la capacità di attrarre giovani  anche da altri comuni a fare sport che la Polisportiva Kalena è riuscita a  mettere in campo in questi anni, vanno premiati e tenuti in considerazione. L’Associazione non può essere considerata un soggetto economico e per  questo gli impianti si devono concedere a titolo gratuito. Il primo impegno  sarà quello di recuperare ed assegnare il finanziamento che lo Stato ha già  versato nelle casse comunali per i centri estivi che, per evitare che torni  indietro, dovrà essere impegnato e liquidato entro il 31 dicembre.