GRUPPO MISTO, SCARABEO RISPONDE A CALENDA: ECCO I DOCUMENTI DELLA VICENDA, L'ASSESSORA DIMENTICA DI CITARE SE STESSA - Molise Web giornale online molisano

La cultura in Molise: esiste?

DIRETTA

Gruppo Misto, Scarabeo risponde a Calenda: ecco i documenti della vicenda, l'assessora dimentica di citare se stessa

Arrivano a stretto giro di posta le precisazioni dell'ex consigliere e responsabile del gruppo misto della dodicesima legislatura, Massimilano Scarabeo, alle accuse dell'assessora Filomena Calenda in merito ai presunti sprechi che la stessa esponente di Giunta ha denunciato. Che l'informativa sia arrivata proprio oggi in coincidenza con la prima seduta di consiglio regionale contemporanea alla campagna elettorale di Isernia, dove la consigliera è candidata con l'Udc mentre Scarabeo, in linea con quanto voluto dal suo coordinatore Di Sandro appoggia Cosmo Tedeschi, è quantomeno sospetta. 
 
E' proprio nei documenti che lo stesso ex capogruppo ha allegato che si spiega quanto accaduto. Infatti in risposta alla raccomandata che ha ricevuto oggi per la restituzione dei soldi chiesti da Calenda risponde: " In seguito alla raccomandata ricevuta in data odierna con la quale si  chiede la riemissione dell'assegno circolare presso la filiale Lbi Banca di Venafro, precisa che nulla può essere addebitato allo scrivente, posto che mancato versamento dell'assegno circolare in oggetto (regolarmente e tempestivamente prodotto, e trasmesso dallo scrivente al Gruppo Consiliare Gruppo Misto con raccomandata A.R. in data 3.7.2020) è dipeso unicamente da un errore addebitabile a chi aveva ii potere giuridico di versare stesso sul nuovo conto bancario, avendo egli evidentemente errato .1 compilare la girata di un assegno circolare non trasferibile.  Pertanto nulla può ora — a distanza di 8 mesi — essere richiesto al sottoscritto.  Provvedero, altresi, alla restituzione con assicurata della copia fotostatica in originale dell'assegno circolare". 
 
Una risposta chiara che si accompagna anche alla produzione alla nostra stessa testata proprio dell'assegno emesso. Inoltre la consigliera Calenda, come dimostra un'altra serie di documenti, era ben a conoscenza di quanto avvenuto all'interno del gruppo misto. La relazione inviata da Scarabeo risulta dettagliata di tutte le attività messe in campo nei mesi contestati. 
 
Per quanto riguarda invece la questione dei beni mobili c'è un altro documento che spiega: Presso la sede del Consiglio Regionale del Molise. in Via IV Novembre, in qualità di consegnatario subentrante e il dipendente del Consiglio regionale . Giuseppe Miozzi - in qualita di consegnatario cedente - in nome per conto del Consiglio- a seguito ai riscontri eseguiti in contraddittorio, hanno provveduto al passaggio di consegna dei beni mobili di cui all'allegato elenco quale parte integrante del presente. I consegnatari, cedente a subentrante, dichiarano rispettivamente di consegnare ed accettare in consegna i beni mobili sopra specificati. Il presente verbale è redatto in due esemplari originali che vengono consegnati, uno atlconsegnatario cedente, uno al consegnatario subentrante che verrà conservato presso Il Servizio Bilancio, Patrimonio e Provveditorato del Consiglio Regionale. I beni sono stati riconsegnati in data 25 maggio 2020, 
 
Ecco il commento dello stesso Scarabeo: "In una roboante ed impostatissima lettura effettuata nell‘aula consiliare regionale la Calenda – novella Robin Hood -ha sollecitato i suoi colleghi ad azionare immediatamente le attività di recupero di talune somme ritenute indebitamente spese nell’anno 2020 dal Gruppo Regionale Misto. E senonché ha dimenticato di citare se stessa! Ha dimenticato ad esempio di leggere (o forse chi ha scritto ha dimenticato di scrivere) che mobili da ufficio di proprietà del Gruppo Misto sono dalla Consigliera lasciati a giacere in un qualche deposito della Regione perché Ella ha “radicalmente rifiutato di prendere in carico i beni acquistati che si sono rivelati pertanto del tutto inutili e fonte di spreco delle risorse pubbliche”. La Consigliera Calenda non vuole i mobili comprati da altri! Dimentica anche di leggere che non è stato possibile – per il Gruppo Misto – versare l’assegno bancario di cui lei stessa riferisce poiché Ella non ha saputo correttamente effettuare la girata dello stesso, rendendolo così non ricevibile dalla Banca.Da oggi a queste incombenze di segreteria ci penseranno i due soggetti assunti (uno a tempo indeterminato) e di cui la Consigliera ha omesso di comunicare i contratti. Ma si sa, a volte è smemorina".
 
Ecco i documenti