PUNTO NASCITA DI TERMOLI, ATTESA PER LA DECISIONE DEL TAR. TOMA: PRENDERÒ I NECESSARI PROVVEDIMENTI - Molise Web giornale online molisano

Punto nascita di Termoli, attesa per la decisione del Tar. Toma: prenderò i necessari provvedimenti

"Aspetto le determinazioni del Tar (che dovrebbero essere a breve) e successivamente adotterò i necessari e conseguenti provvedimenti". Lo ha dichiarato il presidente della Regione Donato Toma in risposta alle invettive di Laura Venittelli, presidente dell'associazione Casa dei diritti che si è impegnata in prima persona insieme al Comitato Molisanità l 113 e ai sindaci per la salvaguardia del punto nascita di Termoli. 
 
“Il primo atto del presidente Toma in qualità di Commissario ad Acta è stato quello di chiedere la chiusura del punto nascita dell’ospedale di Termoli”. E’ quanto affermato dall’avvocato Laura Venittelli al termine dell’udienza al Tar Molise relativa al futuro del punto nascita del San Timoteo. Come si ricorderà, infatti, l’ex commissario ad acta della sanità Flori Degrassi aveva chiesto la chiusura del punto nascita (che già in passato era stata impugnata con successo) e lo stesso Tar aveva decretato, a metà luglio, un provvedimento di sospensiva in attesa dell’udienza di merito che si è tenuta nella giornata di oggi. “Nell’udienza – ha affermato la Venittelli – abbiamo appreso che il Commissario ad Acta Toma si è costituito nel ricorso promosso dai sindaci del Basso Molise e dalla Casa dei Diritti assieme ad un gruppo di mamme e ha chiesto la chiusura del punto nascita di Termoli invece di procedere con le azioni di potenziamento dello stesso punto nascita. Si tratta di uno schiaffo al Basso Molise – ha affermato ancora la Venittelli – questo territorio ha bisogno di dare la certezza alle donne partorienti di avere un punto di riferimento per le emergenze-urgenze. Per quello che ci riguarda continueremo in questa battaglia che vede questo atto come il primo di una lunga controversia giudiziaria”.
 
All'udienza del Tar oggi 8 settembre  sono stati discussi i due ricorsi presentati contro la chiusura del punto nascita del San Timoteo: da una parte quello dei sindaci del Basso Molise assistiti dagli avvocati Vincenzo Iacovino e Massimo Romano, che già due anni fa avevano impugnato lo stesso provvedimento.