PIANO OPERATIVO SANITARIO, DAL CONSIGLIO REGIONALE LE OPPOSIZIONI CHIEDONO UN MONOTEMATICO: SI TERRÀ IL 27 SETTEMBRE - Molise Web giornale online molisano

La cultura in Molise: esiste?

DIRETTA

Piano operativo Sanitario, dal consiglio regionale le opposizioni chiedono un monotematico: si terrà il 27 settembre

di Viviana Pizzi
 
Il consiglio regionale doveva iniziare con le comunicazioni di Toma sul Pos 2019-2021. Ma è immediatamente intervenuto il segretario Pd Vittorino Facciolla che ha chiesto immediatamente una capogruppo ad horas perché il consiglio non ha potuto discutere di alcun documento ma è stato informato attraverso i media. "Il consiglio regionale si è trasformato nella repubblica delle banane. Se c'è bisogno della convocazione di un monotematico la mia sarà la prima firma".
 
Immediato l'intervento anche del capogruppo del Movimento Cinque Stelle Andrea Greco il quale insieme a Facciolla stigmatizza anch'egli che le comunicazioni sono arrivate prima alla stampa. E' stato formalmente chiesto un monotematico sul tema. "Questo documento determinerà la vita e la morte di questa regione. Spenderò successivamente parole sul pronto soccorso di Isernia e su altri temi. Mi associo alla richiesta di Facciolla per la convocazione di una capigruppo per decidere la data nella quale discutere. Lei presidente Toma ha dimostrato poca attenzione verso l'aula come i suoi predecessori. Quel documento che lei chiama Pos è un documento di distruzione della nostra sanità".
 
Il consigliere Cefaratti cambia argomento preannunciando due ordini del giorno sulle scuole e sanitario sui chiarimenti necessari sul punto nascita dell'ospedale San Timoteo di Termoli. Chiederò la calendarizzazione e l'immediata discussione. La consigliera Fanelli annuncia che insieme a Facciolla hanno firmato la richiesta di monotematico sul Pos per il quale non è stata convocata nemmeno la conferenza dei sindaci. "Non abbiamo le informazioni salienti su una serie di scelte- sostiene Fanelli - con la protervia con cui ha chiesto di diventare commissario, con la stessa ha estromesso tutti dal Pos". 
 
Anche sulla scuola Fanelli lamenta una mancanza di comunicazioni sul mondo della scuola. E poi attacca Calenda che, impegnata nella campagna elettorale per le comunali di Isernia, ha contribuito a tenere bloccati una serie di atti degli uffici regionali e assessori regionali.. "Le comunali di Isernia non intralcino il lavoro della Regione". 
 
Successivamente è stata convocata la capigruppo come richiesto dalle minoranze anticipando la riunione che ci sarebbe dovuta essere alle 13.30. Dopo la conferenza dei capigruppo il consiglio regionale monotematico sul Pos è stato fissato per il 27 settembre in cui si terranno tutte le discussioni. In attesa il Movimento Cinque Stelle si rifiuta di discutere tutti gli atti in giacenza e annuncia l'abbandono dell'aula. "Oggi non mi sento di affrontare argomenti in aula, le due leggi che ci sono da discutere mancano i proponenti. Se volete discutere con noi il futuro di questa regione ci vediamo il 27 in aula". 
 
La stessa cosa farà il Pd con Micaela Fanelli sostiene che uscirà dall'aula. "I lavori del consiglio non possono proseguire fino a quando non si stabilisce in termini politici e democratici quelli che saranno le politiche di confronto". 
 
Alle 12.15 le opposizioni hanno abbandonato l'aula. Successivamente si parla solo degli atti proposti dai consiglieri di maggioranza.