VERDE, PARCHEGGI E INFORMAZIONI TURISTICHE A CAMPOBASSO: LA SEA PRODUCA UTILITÀ PIÙ CHE UTILI - Molise Web giornale online molisano

Verde, parcheggi e informazioni turistiche a Campobasso: la Sea produca utilità più che utili

di Antonio Di Monaco
 
Sull'organizzazione futura della Servizi e Ambiente S.p.A., la municipalizzata di Campobasso conosciuta semplicemente come Sea, si parla ancora (e tanto) nella I commissione consiliare che si occupa, appunto, anche delle società partecipate ed è presieduta da Giuseppina Di Iorio (M5S). Tra le proposte sul tavolo, si evidenziano quelle del capogruppo di Forza Italia, Domenico Esposito, il quale, partendo dal presupposto che "l'amministrazione comunale non deve produrre utili, ma utilità", ha chiesto che - almeno nelle zone centrali della città - "le colonnine fossero ritarate permettendo la sosta gratuita per i primi 15 minuti. In questo modo, gli stalli non sarebbero impegnati per troppo tempo e per il cittadino ci sarebbe la possibilità di sbrigare piccole commissioni, accedere in un ufficio pubblico piuttosto che prendere un buon caffè al volo favorendo così anche gli esercenti che spesso e volentieri soffrono la concorrenza spietata della grande distribuzione organizzata". 
 
Proposte sicuramente condivisibili che possono essere accolte o respinte, ma ciò che sta davvero a cuore ad Esposito è "un intervento vero, stante il degrado che si vede, ad esempio in via Roma con diversi rifiuti sparsi nelle aiuole che alcuni cittadini hanno provveduto a ripulire e adornare. Tutto ciò è certamente meritorio, ma è l'amministrazione che deve mettere in campo azioni concrete. Gli ausiliari del traffico, ad esempio, potrebbero loro stessi segnalare queste situazioni di degrado e anche essere formati dall'azienda per fornire, ai turisti o a chi ne facesse richiesta, informazioni sui luoghi da visitare in città e come raggiungerli, magari in sinergia con la Polizia Municipale". A questo proposito, giova ricordare che la Sea dal 1° agosto ha assunto la gestione dei parcheggi pubblici a pagamento presenti sul territorio comunale di Campobasso, subentrando al vecchio concessionario (AJ Mobilità), come sancito dalla delibera approvata in Consiglio comunale il 26 luglio scorso. Le tariffe e gli orari di sosta per i 1.539 stalli  sono rimasti invariati. Inoltre - come si legge sul sito istituzionale dell'azienda municipalizzata - è stato formalizzato il passaggio alla Sea di tutti i sette operatori assunti dalla AJ Mobilità per la gestione del servizio per i quali l’Amministrazione comunale ha richiesto l’applicazione della clausola di salvaguardia e così il numero dei dipendenti è salito da 80 ad 87 unità.
 
Per cui, stante questo aumento di organico e se è vero che il Molise quest'estate - come raccontato, più o meno realisticamente, da più parti - è stato preso d'assalto da orde di turisti, è ragionevole pensare che molti di loro, a Campobasso, si siano rivisti nella scena di Totò e Peppino a Milano chiedendo, visibilmente spaesati, ad un vigile o un ausiliario della sosta: "... Ma per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare...? Sa, è una semplice informazione". Che qualcuno dovrà pur dare.