ROMAGNUOLO (FDI): CARDIOLOGIA A TERMOLI NON CHIUDERÀ, DIVERSAMENTE SARANNO BARRICATE - Molise Web giornale online molisano

Romagnuolo (FdI): cardiologia a Termoli non chiuderà, diversamente saranno barricate

 
"Il mio non è un atteggiamento bellicoso verso le istituzioni regionali, ma è solo il grande rispetto che nutro verso una popolazione che merita molto di più e non vuole vedere calpestati i suoi più elementari diritti. Ritengo quindi, che la situazione esplosiva in cui versa oggi il reparto di cardiologia a Termoli, merita tutto il mio impegno per continuare a difendere i cittadini del Basso Molise, perché a mio avviso questo territorio e lo ripeto, merita tantissimo rispetto. Se ho esitato ad intervenire su questo delicatissimo e serissimo problema, è perché ho ritenuto che chi deve e, chi doveva, si sarebbe impegnato con celerità per  risolverlo, mentre così non è stato. Sono convinto che già da domani, il Commissario ad acta della sanità molisana nel leggere queste mie dichiarazioni, ci dirà che quel reparto non chiuderà. Scommettiamo?". È quanto dichiarato dal consigliere regionale di Fratelli d'Italia Aida Romagnuolo. Il problema della cardiologia di Termoli, ha proseguito Romagnuolo, è gravissimo e il silenzio assordante che lo circonda, lo rende ancora più preoccupante, perché nessuno tra quelli che contano ha detto una parola. Per il bene e l'amore che voglio al Basso Molise, non posso tacere, ha ancora detto Romagnuolo, lotterò con tutte le mie forze per schierarmi come faccio fin dalla mia elezione, sempre dalla parte dei cittadini e non con la casta di quella politica regionale che sta distruggendo non solo la sanità molisana ma tutto il tessuto sociale ed economico del nostro Molise. Il reparto di cardiologia di Termoli non chiuderà, ha ancora detto Romagnuolo, non può chiudere, perché con la sua ipotetica chiusura verrebbe meno la stessa esistenza del San Timoteo e questo significherebbe far pagare un prezzo troppo alto ai cittadini bassomolisani e Termoli in primis. Se cio' dovesse accadere, ha concluso Romagnuolo, sarò la prima a fare le barricate e a promuovere una ribellione in una Regione che sta lentamente morendo.