PD-M5S, AD ISERNIA ALLEATI E A CAMPOBASSO AVVERSARI. IL DEM TRIVISONNO: "CASTRATARO NON È GRAVINA" - Molise Web giornale online molisano

Pd-M5S, ad Isernia alleati e a Campobasso avversari. Il Dem Trivisonno: "Castrataro non è Gravina"

di Antonio Di Monaco
Il voto amministrativo per la prima volta in Molise li ha uniti. Dopo il risultato del ballottaggio di Isernia potrebbero ricongiungersi ancora e con un peso maggiore già alle Regionali del 2023. Per il Pd e il Movimento Cinque Stelle potrebbe così andare in archivio quella che sperano sia la prima campagna elettorale da alleati e, magari, vincenti. Ma c'è chi al Comune di Campobasso, dall'opposizione di centrosinistra del Pd, non è proprio di questa idea e lo espime evidenziando le differenze tra Isernia con il candidato sindaco Piero Castrataro (che al ballottaggio se la vedrà con Melogli) e Campobasso con Roberto Gravina, primo cittadino in carica per il M5S. "Castrataro non è Gravina. Il sindaco di Campobasso - ha affermato il capogruppo Dem a Palazzo San Giorgio, Giose Trivisonno - è l'ultimo figlio del M5S vecchio stile, vittima della sua stessa retorica. Casta, 'honestà', riunioni in streaming, uno vale uno... Sono tutti termini e concetti "rottamati", ma che hanno lasciato scorie non solo in chi li ha usati, perché hanno alimentato atteggiamenti di odio, di banalizzazione, di semplificazione, di populismo pericoloso. Castrataro è altro - ha puntualizzato Trivisonno -. E' uomo della società civile che crede nelle competenze (ne ha tante), nell'impegno, nella politica e nei valori politici. Lo ha dimostrato sino ad oggi".
 
È altro "dai 5 stelle, che pure, per fortuna, lo sostengono. Non è iscritto ad un partito, ma crede nel ruolo dei partiti, oltre che in quello dei movimenti civici; non ha mai mancato di rispetto agli avversari politici o sparato cavolate per brillare e farsi ascoltare. Castrataro può rendere la città di Isernia migliore, anche perché non è animato da rabbia o rancore del passato. Piero è il futuro di Isernia ed un esempio per la politica (comunque vada). Castrataro, in caso di vittoria - ha concluso Trivisonno - avrà una maggioranza fatta di più partiti e movimenti e, dunque, con più sensibilità all'interno, una ricchezza, questa, per chi amministra ed è chiamato a compiere delle scelte. La realtà è fatta di tanti colori che, per chi ne conosce uno solo, è più difficile da interpretare".