FONDI FNA, CALENDA: ECCO LA VERITÀ SUI SOLDI DISPONIBILI - Molise Web giornale online molisano

Fondi fna, Calenda: ecco la verità sui soldi disponibili

Fondi Fna, ne sento parlare spesso in queste ore e a sproposito con opinabili e maldestri tentativi di strumentalizzazione politica che non hanno alcuna concretezza nelle chiacchiere che circolano”.

A parlare è l’assessore alla Politiche Sociali della Regione, Fiomena Calenda che interviene sulla questione del Bando FNA e precisa – carte alla mano – come sono andati i fatti finora sottolineando l’impegno in cantiere per adempiere nel breve tempo a tutte le istanze.

Come è noto, con la deliberazione di G.R. n.79 del 06 marzo 2020 la Regione Molise ha approvato il Programma Regionale per la Non Autosufficienza per 2019-21 e sono state stanziate le risorse in favore delle Regioni per tutto il triennio in questione  (da realizzare negli anni di effettiva erogazione dei finanziamenti ovvero 2020, 21 e 22).

In particolare per la Regione Molise sono state attribuite le seguenti risorse:

2019 = € 3.783.120,00

2020 = € 3.768.600,00

2021 = € 3.754,740,00

Il Fondo 2019 è stato interamente trasferito dallo Stato alla Regione Molise per l’attuazione della prima annualità del programma regionale ed è stato incrementato con € 400.000 di risorse regionali (come stabilito nella delibera di G.R. 79/2020).

Tutti gli Ambiti Territoriali Sociali hanno ricevuto sia la quota di risorse statali che quella di parte regionale. L’avvio del programma era stabilito a partire da giugno 2020 per i successivi 12 mesi.

Il Fondo 2020 invece non è stato ancora trasferito dallo Stato perché sono emerse alcune criticità in merito alla rendicontazione dei Fondi delle annualità pregresse che sono quelle del 2016 per un importo di 254.953,24 euro e del 2017 per un importo di 11.508,02 euro.

“Pertanto – conclude l’assessore – al di là delle discutibili rimostranze basate sulla disinformazione e fomentate da vani tentativi di strumentalizzazione politica, tutta la struttura regionale dedicata è al lavoro per risolvere in tempi rapidi questo gravissimo problema affinché i beneficiari godano di quello che è un loro indiscutibile diritto”.