CINGHIALI POCO "SPORTIVI" DEVASTANO IL CAMPO DA CALCIO DI MACCHIA VALFORTORE - Molise Web giornale online molisano

Cinghiali poco "sportivi" devastano il campo da calcio di Macchia Valfortore

di Antonio Di Monaco
Dopo l'esilio forzato che ha impedito alla squadra di giocare sul proprio campo e davanti al pubblico amico, adesso è il turno dei cinghiali a rendere impraticabile il campo sportivo di Macchia Valfortore. Un branco di ungulati è riuscito a trovare un varco nella rete di recinzione dell'impianto e ha letteralmente devastato il terreno di gioco scavando una serie di buche più o meno profonde sia all’altezza del centrocampo sia nei pressi delle due aree di rigore.
 
Il destino ha voluto che non ci fosse nessuno in campo considerando che, nelle categorie dilettantistiche, ci si allena preferibilmente nelle ore serali, proprio le stesse in cui questi animali escono allo scoperto devastando tutto ciò che trovano e costituendo un pericolo anche per gli automobilisti che se li trovano improvvisamente davanti con tutti i rischi del caso. 
 
Una situazione che sta diventando ormai intollerabile e, al momento, la lettera scritta da oltre cento sindaci molisani al Capo dello Stato, al presidente del Consiglio e ai ministri competenti per chiedere il riconoscimento dello stato di emergenza per la Regione Molise e la modifica della legge 157/1992 in merito alla crescita esponenziale del numero di cinghiali selvatici sul territorio e ai danni conseguenti per attività economiche, abitazioni, veicoli e persone non ha ancora prodotto effetti tangibili. Dopo questo ennesimo episodio spiacevole, la speranza è che l'attesa finisca per davvero.