FRUIBILITÀ CRIPTA DELL’ABATE EPIFANIO E AREA ARCHEOLOGICA DI SAN VINCENZO AL VOLTURNO,TESTAMENTO: «FRANCESCHINI INTERVENGA IMMEDIATAMENTE» - Molise Web giornale online molisano

Fruibilità cripta dell’Abate Epifanio e area archeologica di San Vincenzo al Volturno,Testamento: «Franceschini intervenga immediatamente»

«Il Ministro Franceschini è a conoscenza delle attuali diverse complicanze che impediscono la completa e frequente fruibilità del sito archeologico di San Vincenzo al Volturno e della cripta dell’Abate Epifanio?  Non ritiene sia doveroso verificare le reali motivazioni che  hanno indotto il rappresentante locale dell’Abbazia a mettere in discussione l’accordo raggiunto nel 2018 che garantiva e disciplinava gli accessi alla cripta? Quali urgenti iniziative intende adottare per assicurare una gestione trasparente e una maggiore fruizione dell’intera area archeologica? Sono queste le richieste che ho inviato al Ministro con una interrogazione depositata in Commissione Cultura alla Camera». Lo dichiara Rosa Alba Testamento, parlamentare molisana e componente della Commissione Scienza, Cultura e Istruzione  a Montecitorio.

«Questa vicendacontinua la parlamentare  - viene sollevata da molti anni dall’opinione pubblica locale non solo per le problematiche strettamente inerenti all’accessibilità del sito, ma anche per  alcune situazioni gestionali poco chiare che hanno portato a un ingente sperpero di denaro pubblico destinato alle infrastrutture per la musealizzazione del sito. 

La cripta dell’Abate Epifanio – prosegue - rappresenta all’interno dell’Abbazia di San Vincenzo un vero e proprio gioiello, con un ciclo di affreschi assolutamente unico, e merita di essere liberamente accessibile al pubblico. Per questo occorre almeno recuperare quello spirito di collaborazione che aveva portato all’accordo del 2018 con il quale Montecassino concedeva le visite della cripta, della quale risulta proprietario, in cambio di una percentuale sui biglietti d’ingresso. 

Non è più pensabileconclude Testamentocontinuare a non intervenire su una vicenda a dir poco paradossale, in cui in un’area archeologica pubblica come quella di San Vincenzo al Volturno vi sia il monumento più importante, la Cripta dell’abate Epifanio, di proprietà privata che, nonostante continui a godere di fondi statali per la sua manutenzione,  viene gestito come una enclave extraterritoriale per le visite di cittadini e turisti. Franceschini intervenga immediatamente».