NUOVA MAPPA UE RISCHIO COVID: 4 REGIONI PASSANO IN ZONA ROSSA, IL MOLISE RESTA IN VERDE - Molise Web giornale online molisano

Nuova mappa Ue rischio Covid: 4 regioni passano in zona rossa, il Molise resta in verde

Secondo l'aggiornamento di giovedì 11 novembre, della mappa del rischio Covid dell'Ecdc Friuli Venezia Giulia, Marche, Calabria e Bolzano passano in zona rossa.
Peggiora leggermente la situazione Covid-19 in Italia secondo quanto emerge dalla mappa del rischio elaborata dall'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che classifica le zone a maggiore o minore pericolo di diffusione del Coronavirus. Secondo l'aggiornamento di oggi, giovedì 11 novembre, sono ben quattro le regioni che si colorano di rosso, indicando una elevata incidenza dei contagi: si tratta di Friuli Venezia Giulia, Marche e Calabria, a cui si aggiunge la provincia autonoma di Bolzano. Solo tre quelle invece che restano in fascia verde, cioè a bassissima incidenza mentre il resto è colorato di arancione. Per quanto riguarda il resto d'Europa, bene la situazione in Spagna e in Portogallo, mentre restano ancora sotto osservazione i paesi dell'Est, come Romania e Bulgaria, ma anche la Grecia, dove prevale il rosso scuro. Ecco, nel dettaglio, cosa sappiamo. Dunque, questa settimana passano in zona rossa Friuli Venezia Giulia, Marche, Calabria e provincia autonoma di Bolzano, dove si registra la più alta incidenza nazionale. Tre sono in verde, e cioè Molise, Sardegna e Valle d'Aosta, mentre il resto è colorato di arancione. Si ricordi che il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie aggiorna la mappa del rischio Covid ogni settimana di giovedì sulla base dei dati ricevuti fino al martedì precedente con le restrizioni da imporre sulla libera circolazione dei cittadini nell’Ue.
Nella mappa dell'Ecdc vengono colorate di verde le Regioni che hanno meno di 25 casi ogni 100mila abitanti nelle ultime due settimane: serve, inoltre, un tasso di positività inferiore al 4%. In arancione rientrano le zone con meno di 50 casi ogni 100mila abitanti se il tasso di positività è uguale o superiore al 4%, oppure quelle tra i 25 e i 150 casi con un tasso inferiore al 4%. In rosso si trovano le Regioni che negli ultimi 14 giorni hanno fatto registrare tra i 50 e i 150 casi e un tasso di positività inferiore al 4%, oppure quelle che hanno tra i 150 e i 500 casi ogni 100mila abitanti. Infine, si trovano in rosso scuro le zone con più di 500 casi ogni 100mila abitanti.
Mentre la situazione Covid nei paesi dell'Europa occidentale sembra essere sotto controllo, nonostante un lieve peggioramento mostrato dalla mappa Ecdc in Italia, Spagna e Francia, l'attenzione è puntata sui paesi dell'Est, che si confermano epicentro della quarta ondata della pandemia. In rosso scuro troviamo così la maggior parte dei Balcani, la Grecia, la Romania e la Bulgaria, dove si registrano anche i tassi di vaccinazione più bassi. Secondo il Vaccine-Tracker dell'Agenzia, se la media europea è pari al 64,8% della popolazione completamente vaccinata, in Bulgaria questa percentuale è pari all 22,7%, in Romania al 33,9% e in Croazia al 45%.