TRENO D'EPOCA CAMPOBASSO-TERMOLI: ALLA RISCOPERTA DEI BORGHI PIÙ BELLI DELLA PROVINCIA DI CAMPOBASSO - Molise Web giornale online molisano
L'evento, voluto dall'associazione Le Rotaie, è stato sponsorizzato anche dalla sindaca di Casacalenda Sabrina Lallitto

Treno d'epoca Campobasso-Termoli: alla riscoperta dei borghi più belli della provincia di Campobasso

Riscoprire le bellezze della provincia di Campobasso attraverso un treno d'epoca che seguirà il percorso Campobasso-Termoli. E' possibile grazie all'associazione LeRotaie e Fondazione FS Italiane.

L'evento è previsto, come si legge sul sito dell'associazione, sabato 11 dicembre, con partenza alle 9.30 da Termoli. Ci sarà un convoglio storico di Fondazione FS Italiane composto da carrozze Terrazzini e Centoporte percorrerà la tratta che attraversa la provincia di Campobasso lungo la valle del Biferno risalendo verso il valico di Campolieto, facendo tappa al mattino a Casacalenda per l’accoglienza della comunità locale e per visitare il paese sede del MAACK – Museo all’aperto d’arte contemporanea Kalenarte, con successiva sosta nel capoluogo molisano e nel pomeriggio, con le luci della sera, a Larino per le suggestive luminarie artistiche di Natale nel centro storico.

"L’idea - dichiarano dall'associazione -  è nata negli ultimi mesi e si è concretizzata domenica 7 novembre in un incontro che la nostra associazione ha avuto a Casacalenda con la Sindaca Sabrina Lallitto, che ha subito sposato l’iniziativa mettendosi a disposizione per fare da raccordo con le amministrazioni delle località coinvolte nell’itinerario di giornata, Termoli, Campobasso e Larino. Una giornata speciale, l’unica prevista nell’anno 2021 per il treno in convenzione tra la nostra associazione e la Fondazione FS Italiane, che vuole essere un chiaro segnale di sprono e di lancio di un nuovo progetto turistico per il 2022 in Molise  che possa valorizzare al meglio un territorio ricco di bellezze, attraversato da una linea ferrata attualmente aperta al traffico regolare ma non ancora adeguatamente sfruttata e calibrata verso le esigenze delle comunità residenti.
Il messaggio è chiaro: laddove vi sono infrastrutture ferroviarie attive, vanno utilizzate, fatte conoscere e soprattutto riavvicinate al contatto con le persone, siano esse lavoratori pendolari, studenti o turisti.

Per la giornata di sabato 11 dicembre, che sarà una vera e propria festa del treno e della ferrovia, chiamiamo a raccolta nelle stazioni di tutte le località coinvolte le comunità residenti per salutare il fischio del treno: sarà un’occasione non solo per i viaggiatori a bordo di ammirare le bellezze del territorio molisano e di conoscere i luoghi di sosta, ma anche per amministratori e operatori locali di stringersi attorno al grande valore e potenziale che questa tratta ferroviaria porta con sé, con l’ambizione di farla scoprire ed emergere alla ribalta del panorama del turismo ferroviario nazionale, così come avviene già da tempo su altri fortunati esempi di linee rinate grazie a progetti di destinazione turistica che Fondazione FS Italiane ha avviato in sinergia con operatori ed enti locali".

"Una giornata speciale - aggiunge la sindaca Lallitto - l’unica prevista nell’anno 2021, che vuole essere un chiaro segnale di sprono e di lancio di un nuovo progetto turistico per il 2022 che possa valorizzare al meglio un territorio ricco di bellezze. Per la giornata di sabato 11 dicembre, che sarà una vera e propria festa del treno e della ferrovia, chiamiamo a raccolta nelle stazioni di tutte le località coinvolte le comunità residenti per salutare il fischio del treno: sarà un’occasione non solo per i viaggiatori a bordo di ammirare le bellezze del territorio molisano e di conoscere i luoghi di visita, ma anche per amministratori e operatori locali di stringersi attorno al grande valore e potenziale che questa tratta ferroviaria porta con sé, con l’ambizione di farla scoprire e farla emergere alla ribalta del panorama del turismo ferroviario nazionale, così come avviene già da tempo su altri fortunati esempi di linee rinate grazie a progetti di destinazione turistica".

 

Orari (possono subire variazioni)

Termoli – 9.30
Casacalenda – 10.40 – 12.10
Campobasso – 13.15 – 16.00
Larino – 17.20 – 19.40
Termoli – 20.15

PROGRAMMA DETTAGLIATO DI GIORNATA

9.00 / 9.20 ritrovo alla stazione di Termoli per saluto dell’amministrazione comunale e check in (in coincidenza i treni da Pescara e da Foggia).

9.30 partenza del treno storico dalla stazione di Termoli, l’itinerario lascia alle spalle da subito la costa adriatica e percorre la piana del fiume Biferno per poi cominciare una ascesa notevole con frequenti tornanti, rendendo il percorso molto panoramico e di notevole interesse ingegneristico fino ad arrivare a Larino, dove il treno farà sosta nel pomeriggio, e continuare verso quote altimetriche maggiori.10.40 arrivo del treno storico a Casacalenda, per la prima sosta di giornata. Siamo a quota 600 mt. s.l.m, dopo circa 50 km di tratta. Il treno storico arriva in stazione sbucando da una caratteristica galleria che passa proprio sotto il paese. In stazione accoglienza dell’amministrazione comuale e della comunità residete. Si raggiunge il centro storico per una visita attraverso la scalinata artistica che è parte del MAACK – Museo all’aperto d’arte contemporanea Kalenarte, con installazioni artistiche diffuse in tutto il paese.

12.10 partenza del treno storico, direzione Campobasso. Si raggiunge la quota altimetrica più elevata della linea, a 841 mt. s.l.m. presso il valico di Campolieto, superato attraverso un suggestivo ponte ad archi in pietra, uno dei punti più caratteristici della linea, fino a scendere alle porte di Campobasso.

13.15 arrivo del treno storico a Campobasso, capoluogo di regione. In pochi minuti a piedi si raggiunge il centro città per tempo libero, pranzo presso i locali e ristoranti cittadini e visite al centro storico e al bellissimo Castello Monforte del XV secolo, posto nella parte alta della città, raggiungibile dal centro in un dedalo di viuzze e scalinate, da cui si gode un vasto panorama che abbraccia tutto il Molise fino all’Abruzzo a nord e alla Puglia a sud.

16.00 partenza del treno storico dalla stazione di Campobasso per intraprendere il viaggio di ritorno in direzione Larino.17.20 arrivo alla stazione di Larino, ultima sosta di giornata. Dalla stazione, incamminandosi per circa 10-15 minuti, si raggiunge il bellissimo centro storico per una visita che a Natale, con le luci della sera, si trasforma in una esperienza indimenticabile grazie alle meravigliose luminarie natalizie che ogni anno rendono il contesto a dir poco magico. Nelle vie della parte antica locali, mercatini e street food che richiamano tanti visitatori da tutta la regione.

19.40 partenza del treno storico per rientro finale a Termoli.

20.15 arrivo alla stazione di Termoli, coincidenza con i treni per Pescara direzione nord e Foggia direzione sud.

Orari indicativi che potrebbero subire variazioni in ragione della particolare circolazione turistica.