CATTEDRALE SS.MA TRINITÀ, ANCORA UN NATALE SENZA CELEBRAZIONI - Molise Web giornale online molisano

Cattedrale SS.ma Trinità, ancora un Natale senza celebrazioni

di Antonio Di Monaco
Sarà ancora un Natale senza celebrazioni e tantomeno fedeli per la cattedrale della Santissima Trinità di Campobasso, nonché chiesa madre dell'omonima arcidiocesi metropolitana. L'auspicio del parroco, don Michele Tartaglia, che ne auspicava la riapertura in questo 2021 nella conferenza stampa congiunta del 20 luglio dello scorso anno con il vescovo, Giancarlo Maria Bregantini, non si è realizzato. L'edificio sacro è chiuso dal 2018 e, precisamente, dal 20 novembre dopo la segnalazione di alcuni operai che lavoravano sul tetto del teatro Savoia, i quali riscontrarono un avvallamento sul tetto della chiesa. 
 
La parrocchia affidò il progetto per la realizzazione del primo lotto funzionale – finanziato con i fondi dell’otto per mille per l’edilizia di culto e i beni culturali della chiesa pari a 527.529,18 euro – all’ingegner Ernesto Minucci, all’architetto Antonio Gianfelice, al geometra Roberto De Santi e all’ingegner Fabrizio Aceto con l’incaricato per l’edilizia al culto diocesano, l’architetto Alberto Di Tommaso. L’impresa appaltatrice dei lavori è stata la Giovanni Iacobucci S.r.l. In primis, si è proceduto alla rimozione del cassettone e del vecchio tetto, alla sostituzione di 10 capriate dalle attuali in legno alle nuove in acciaio, alla realizzazione della nuova copertura, al consolidamento del cornicione e alla realizzazione di un nuovo impianto elettrico e termico. 
 
Il secondo lotto funzionale – finanziato dalla Regione Molise con un fondo straordinario come da delibera 160 del 14 maggio 2019 pari a 300mila euro – è consistito invece nella realizzazione del nuovo cassettone e nella ritinteggiatura interna della Cattedrale i cui lavori sono stati affidati dalla diocesi all’architetto Lorenzo Di Felice, all’ingegner Ernesto Minucci e al geometra Roberto De Santi con l’ingegner Fabrizio Aceto Responsabile Unico del Procedimento che è stato anche sottoposto al vaglio della Soprintendenza di Campobasso. Infine, è prevista la realizzazione di un terzo lotto funzionale per il consolidamento dell’abside, delle penitenzerie, il restauro dei portoni e la tinteggiatura della sacrestia per cui è stato necessario reperire ulteriori fondi prima del progetto esecutivo.
 
La questione approderà anche nel prossimo Consiglio comunale attraverso una mozione che sarà presentata dal capogruppo di Forza Italia, Domenico Esposito. "È ora di rimboccarsi con determinazione tutti le maniche - ha affermato l'esponente azzurro - affinché riapra. Richiederò massima attenzione e considerazione da parte del Consiglio comunale della città di Campobasso che ha il dovere di attivarsi in ogni sede possibile perché - ha concluso - sia l’ultimo Natale senza celebrazioni nella nostra Cattedrale".