COVID, A ISERNIA E CASACALENDA I FOCOLAI PARTONO DALLE SCUOLE CON STUDENTI NON VACCINABILI - Molise Web giornale online molisano

Covid, a Isernia e Casacalenda i focolai partono dalle scuole con studenti non vaccinabili

Nella giornata di ieri si è registrato un nuovo rialzo dei contagi da Covid 19. Cinquantasei in totale ma le situazioni più preoccupanti si sono concentrate a Casacalenda e Isernia. 
 
In particolare nel comune bassomolisano  i positivi sono 5 bambini della scuola materna, 1 delle medie e 1 della scuola superiore assieme ad altri 3 genitori i 10 contagiati al Covid-19.  Il cluster si sarebbe  verificato quindi  nell’ambito della scuola e ha colpito soprattutto i bambini che non possono ancora sottoporsi alla vaccinazione.  I tre genitori che, invece, sono risultati positivi erano tutti già vaccinati contro il Covid-19.
 
"L'atteggiamento più da seguire - sottolinea la sindaca Lallitto - ora, è quello della trasparenza, della collaborazione e dell'attenzione. Le famiglie coinvolte osserveranno la quarantena e si renderanno disponibili alla raccolta di informazioni che farà l'Asrem al fine di ricostruire quanto più precisamente la catena dei contatti. È importante che la comunità resti unita e che questa condizione si risolva al più presto possibile. Questa è sicuramente una occasione che ci deve far riflettere e rimodellare i nostri comportamenti che, col tempo, potrebbero esser diventati meno attenti". 
 
I sedici positivi venuti fuori a Isernia rappresentano invece all'interno di due istituti del capoluogo dove erano stati effettuati screening. Evidentemente come dimostrano gli ultimi bollettini che arrivano dal Molise la situazione nelle scuole, soprattutto a causa dell'impossibilità di vaccinare chi ha un'età inferiore ai 12 anni, non è ancora in grado di garantire il contagio zero e resta la maggiore fonte di focolai di Covid. 
 
In totale a Isernia i casi di positività sono 75. La maggior parte dei contagi riguarda le scuole primarie: 1 bambino dell'infanzia, 32 alunni tra scuola primaria e secondaria di primo grado, uno studente della scuola secondaria superiore. Complessivamente, dunque, sono 34 gli alunni risultati positivi al Covid con la conseguenza dell'attivazione della Dad per due classi dell'IC 'Giovanni XXXIII' e 8 dell'IC 'San Giovanni Bosco'.