CAMPOBASSO, UNIONE DEGLI STUDENTI IN PROTESTA: "SIAMO IL FUTURO CHE SI RIBELLA" - Molise Web giornale online molisano

Campobasso, Unione degli Studenti in protesta: "Siamo il futuro che si ribella"

Oggi, 19 novembre, a Campobasso si è tenuta la manifestazione dell'Unione degli studenti. 
Questi ultimi, scesi in piazza, hanno animato una protesta che ha coinvolto molte città d'Italia. Tanti i temi trattati da Uds, che sceglie di porre al centro la salute mentale dei studenti, schiacciati dall'ansia del proprio futuro e stanchi di strutture scolastiche fatiscenti e inadeguate a garantire la miglior formazione possibile. "Se ci bloccano il futuro noi blocchiamo la città" - questo lo slogan che ha scandito la protesta.
Le richieste sono state molte e variegate: 
«Vogliamo un diritto allo studio realmente garantito, attraverso una legge nazionale;
un'edilizia scolastica sicura, ecologica, al servizio della didattica e di tutta la comunità territoriale, oltre che l'eliminazione delle classi pollaio;
trasporti sicuri, accessibili, non sovraffollati e estesi alle zone periferiche;
benessere psicologico, garantito con degli sportelli, la diminuzione delle verifiche e l'eliminazione del clima di competizione; 
un'educazione sessuale, all'affettività, al piacere e al consenso, oltre che sportelli antimolestia in tutte le scuole». 
Il gruppo di protestanti, benché sparuto, è parso sicuro delle proprie richieste: 
«La scuola che viviamo oggi non ci piace  e non ci sta bene. - Inizia una delle rappresentanti Uds - Intendiamo costruirne una nuova, poiché siamo stanchi di una scuola cantiere, di un disagio strutturale italiano che si protrae da decenni e che non solo non ci garantisce un futuro, ma ci opprime e ci crea ansia».  
«Mi sento male per diverse cause: il Covid ha accentuato il disagio che già serpeggiava tra gli studenti, e i professori, che dovrebbero essere una figura rassicurante, ci opprimono con eccessive verifiche ed interrogazioni invece di prestare ascolto ai nostri bisogni e alle nostre lamentele» - queste le parole di uno studente presente alla protesta. 
Poca partecipazione alla manifestazione 
Nonostante l'evidente zelo dell'Unione degli studenti e dei partecipanti, l'adesione non è stata così numerosa.
La veridicità dei temi trattati avrebbe dovuto coinvolgere molti ragazzi, ma a Campobasso la manifestazione non ha riscontrato la partecipazione che ci si sarebbe aspettato per l'evento. La cosa non ha però scoraggiato i protestanti, che sicuri delle proprie idee e incuranti dell' "inconveniente" hanno dato voce alle loro idee al grido di "siamo il futuro che si ribella". 
 
di Denise Michela Pengue