DICIANNOVESIMO FORUM DELL'AGROALIMENTARE, COLDIRETTI: OTTIMA VISIBILITÀ PER IL MOLISE - Molise Web giornale online molisano

Diciannovesimo forum dell'agroalimentare, Coldiretti: ottima visibilità per il Molise

XIX FORUM INTERNAZIONALE DELL’AGROALIMENTARE: GRANDE VISIBILITA’ PER IL MOLISE

 

Grade visibilità per il Molise al XIX Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione. Organizzato dalla Coldiretti, con la collaborazione dello studio The European House – Ambrosetti, il Forum quest’anno si è tenuto a Villa Miani a Roma, giovedì 18 e venerdì 19, in presenza ma, nel rispetto delle norme di contenimento del Covid 19 e per evitare il rischio di assembramenti, tutte le federazioni Coldiretti d’Italia hanno partecipato collegate via web. La Federazione regionale del Molise ha allestito, nella sala convegni dell’Organizzazione in via D’Amato a Campobasso, uno spazio per poter assistere in presenza ai lavori del Forum. L’appuntamento è stato inoltre trasmesso anche in diretta streaming sul sito www.coldiretti.it.

Nel corso dei lavori è stato presentato anche il nuovo censimento delle specialità, ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni, che costituiscono un vero e proprio patrimonio enogastronomico alimentare nazionale. Parliamo di 5333 le specialità alimentari tradizionali, presenti sul territorio nazionale nel 2021, salvate dalla pandemia grazie agli agricoltori per sostenere la rinascita del Paese. Di queste 159 provengono dal Molise.

La nostra regione, al di la dei numeri, ha conquistato una vetrina importante grazie ad alcuni dei suoi prodotti tra i più noti come: la Treccia di Santa Croce di Magliano, un formaggio a pasta filata definito “un vero e proprio capolavoro”, che viene letteralmente intessuto fino a sembrare una sciarpa o, appunto, una treccia di capelli; ma anche la ventresca arrotolata, la ventricina e varie erbe aromatiche, solo per citarne alcuni.

 

“Un patrimonio – ha osservato il Direttore regionale di Coldiretti Molise, Aniello Ascolese - salvato grazie all’opera di intere generazioni di agricoltori, impegnati a difendere nel tempo la biodiversità sul territorio e le tradizioni alimentari locali. Un lavoro impegnativo e appassionato, il cui valore non viene sempre giustamente riconosciuto, ma che ha tuttavia fatto salire il numero delle tipicità regionali – ha proseguito Ascolese – dalle iniziali 2.188 del primo censimento nel 2000, alle  attuali 5333, facendo registrare un aumento del 167% dei prodotti salvati dal rischio di estinzione”.

 

 

 

LE SPECIALITA’ SALVATE DALLA PANDEMIA PER REGIONE

 

Abruzzo

149

Basilicata

163

Calabria

269

Campania

569

Emilia Romagna

398

Friuli Venezia Giulia

179

Lazio

438

Liguria

300

Lombardia

262

Marche

154

Molise

159

Piemonte

342

Bolzano

102

Trento

105

Puglia

311

Sardegna

217

Sicilia

264

Toscana

463

Umbria

69

Valle d’Aosta

36

Veneto

384

ITALIA

5333

 

Fonte: Elaborazione Coldiretti sul censimento dei prodotti tradizionali regionali 2021