LARINO, 26 NOVEMBRE L'INCONTRO “POVERTÀ ED EMARGINAZIONE, UNA SFIDA DA VINCERE” - Molise Web giornale online molisano

Larino, 26 novembre l'incontro “Povertà ed emarginazione, una sfida da vincere”

Larino. “Povertà ed emarginazione, una sfida da vincere” il titolo dell’incontro che si terrà il 26 novembre 2021 alle ore 17.30, presso la sala di lettura “E. La Riccia” della Biblioteca comunale “B. Preziosi”. 

L’appuntamento rientra in “Percorsi in Biblioteca”, l’itinerario culturale organizzato dal Lions club Larino in collaborazione del Comune di Larino. L’incontro ha l’intento di contribuire a far riflettere sul tema della povertà che, negli ultimi anni favorita anche dall’avvento della pandemia è in crescita vertiginosa, una povertà sempre più assoluta e prevaricante. Un fenomeno che, nella sua crescita va a ledere la dignità umana individuale e collettiva compromettendo l’assetto sociale, togliendo equità e favorendo l’emarginazione.  Diventa necessario riflettere insieme supportando gli obiettivi dell’agenda 2030, un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità. Deve essere una consapevolezza condivisa, resiliente e deve condurre ad un peculiare lavoro di rete per sradicare ogni forma di povertà ed emarginazione. 

“Povertà ed emarginazione, una sfida da vincere”, un incontro che mette a confronto il sociologo prof. Guglielmo Giumelli, il Direttore della Caritas Diocesana Termoli-Larino Vito Chimiento, don Antonio Di Lalla, Direttore periodico “La Fonte”, Jula Papa, Segretaria regionale Cittadinanzattiva Molise e la Coordinatrice distrettuale del Tema trattato Giovanna Piccinino. L’incontro moderato da Graziella Vizzarri dopo i saluti istituzionali di Umberto Massini, presidente Lions club Larino e Giuseppe Puchetti, sindaco del Comune di Larino si addentrerà nel tema con l’introduzione da parte dell’assessore alle Politiche Sociali Angela Vitiello, socio Lions. 

Si comincia dai piccoli territori e dalle persone a ricostruire una società equa.

Un primario WE SERVE a cui il Lions club frentano risponde.