BRUXELLES, LA REGIONE MOLISE NON PAGA LE BOLLETTE DELLA SEDE ISTITUZIONALE E METTE I DIPENDENTI IN SMART WORKING - Molise Web giornale online molisano

Bruxelles, la Regione Molise non paga le bollette della sede istituzionale e mette i dipendenti in smart working

di Antonio Di Monaco
Arrivare a farsi staccare le utenze a causa del mancato pagamento delle bollette non è certo il massimo per l'immagine di un ente pubblico. Se a ciò si aggiunge che, invece di provvedere al pagamento delle stesse, si mettono i propri dipendenti in "Smart working", la magra figura è completa. Il soggetto in questione è nientemeno che la Regione Molise e la sua sede di rappresentanza a Bruxelles per cui, come si legge nella determina dirigenziale numero 7116 dello scorso 24 novembre, "sono confermate ad oggi le finalità istituzionali e di rappresentanza della sede e, quindi, la necessità di garantire all’Amministrazione un efficace presidio nella capitale belga", ma soprattutto "non sono pervenute comunicazioni da parte dell’Amministrazione circa la chiusura della citata sede regionale di Bruxelles per la quale si suppone, quindi, un progressivo ripristino della precedente funzionalità". Cosa che dovrebbe avvenire dopo aver saldato le utenze in questione, ma la Regione - come si evince dalla determina - non ci pensa nemmeno. 
 
Più in particolare, l'ente di via Genova prende atto "delle oggettive problematiche riconducibili alla sospensione delle utenze di somministrazione dei servizi minimi (energia, telefonia, internet, pulizie/igienizzazione dei locali, riscaldamento" nonché della segnalazione di "infiltrazioni in alcuni locali della sede correlate da documentazione fotografica" che "non consentono - si legge ancora nella determina - ai dipendenti regionali interessati (il dottor Michele Petracca e il dottor Carlo Marinelli, ndr) di operare funzionalmente presso la sede di Rue di Tolouse". E allora, cosa si fa? Semplice. Si richiede ai dipendenti stessi, "ribadita la parallela necessità di dover garantire comunque un efficace presidio in loco, l’esigibilità delle prestazioni lavorative in modalità Smart working". 
 
Fondamentale, quindi, per la Regione Molise mantenere un presidio istituzionale a Bruxelles, sia pure sulla base di un "si suppone" come scritto nella determina in questione, invece di provvedere al saldo delle utenze. Ma ciò si può fare anche da casa collezionando contestualmente un'altra magra figura a livello internazionale dopo il famoso pesce spada alla messinese perfettamente attinente al menù ufficiale all'Expò 2015 di Milano e la mancata partecipazione alla stessa rassegna che si tiene in queste settimane a Dubai.