SCUOLA, DA DOMANI OBBLIGO VACCINALE PER IL PERSONALE: PRONTA LA CIRCOLARE - Molise Web giornale online molisano

Scuola, da domani obbligo vaccinale per il personale: pronta la circolare

di Antonio Di Monaco
Scatterà domani l'obbligo vaccinale del personale della scuola e, secondo quanto riferisce l'Ansa, è in arrivo una circolare alle scuole con le indicazioni per i controlli che saranno su piattaforma e automatici come per il Green Pass per cui sarà necessaria la Superapp che permette l’interoperabilità tra il Sidi e la Piattaforma Nazionale Dgc. Dal canto suo, il ministro alla Salute, Roberto Speranza, ha rimarcato che "le terze dosi sono ancora più importanti per fronteggiare la variante Omicron, lo stiamo vedendo dai dati che arrivano". 
 
Intanto, si stanno apportando le ultime modifiche al testo del decreto legge che prorogherà al 31 marzo 2022 lo stato di emergenza per il Covid. Il Consiglio dei Ministri si riunirà alle 17 per il via libera la provvedimento. Quindi, una proroga di tre mesi per traghettare l'Italia fuori dalla stagione più fredda. Lo stato d’emergenza è stato dichiarato il 31 gennaio 2020 e, secondo il decreto legislativo del Codice della Protezione Civile, può durare un massimo di 12 mesi, prorogabile di ulteriori 12 mesi in caso di riconosciuta necessità, e attribuisce al governo “poteri straordinari” o “speciali”. In alternativa, si può ricorrere a un intervento legislativo ad hoc, che vada a modificare il termine ultimo dello stato d'emergenza previsto previsto dall’articolo 24 del decreto legislativo 1/2008. 
 
In una situazione così articolata, il ministro Speranza ha sottolineato che "nel servizio sanitario del futuro c'è bisogno anche dei Comuni. Infatti, se un pezzo di sfida nelle case di comunità è intrecciare assistenza sanitaria e sociale, i Comuni devono stare a bordo. E poi abbiamo bisogno di una condivisione molto larga con gli ordini, con le professioni, imprese, con le reti della conoscenza e della ricerca. Questa doppia sfida, del Covid e del rilancio del Ssn - ha concluso il titolare della Salute - richiede un patto Paese che dobbiamo avere la capacità di definire e portare avanti pezzo dopo pezzo".