CONSIGLIO REGIONALE, APPROVATA L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO PROVVISORIO: IL BILANCIO DI PREVISIONE SARÀ PRESENTATO ENTRO 4 MESI - Molise Web giornale online molisano

Consiglio regionale, approvata l'autorizzazione all'esercizio provvisorio: il bilancio di previsione sarà presentato entro 4 mesi

di Viviana Pizzi 
Inizia con l'assenza di 10 consiglieri regionali tra cui anche il presidente della Regione Donato Toma e il presidente del Consiglio Salvatore Micone, la seduta di bilancio di dicembre. Il primo punto all'ordine del giorno "variazione di assestamento generale al bilancio 2021-2023 del Consiglio regionale" viene infatti approvato con 6 voti a favore, 4 contrari e un astenuto. Undici soli i presenti in aula tra cui il consigliere Greco che ha sottolineato l'eccesso di sprechi del consiglio regionale. 
 
Successivamente il consigliere Di Lucente ha iniziato la discussione sulla Proposta di legge n. 160, d’iniziativa della Giunta regionale concernente "Rendiconto generale della Regione Molise per l'esercizio finanziario 2020". Nella discussione è intervenuta la consigliera regionale Micaela Fanelli che non solo ha annunciato voto contrario, motivandolo come un bilancio invotabile e documenti che , ma ha anche aggiunto di voler abbandonare l'aula proprio a causa dell'assenza di chi di dovere. "Ribadisco la ferma responsabilità della maggioranza- ha sostenuto - presento l'ordine del giorno ed esco". 
 
A sottolineare la gravità dell'assenza dei consiglieri di maggioranza anche il pentastellato Fabio De Chirico. Per il consigliere Andrea Greco invece il presidente della Regione Donato Toma non è altro che il "curatore fallimentare della Regione Molise" proprio perché al sesto punto all'ordine del giorno si chiede l'autorizzazione ad andare avanti "per dodicesimi" per il 2022 mentre nelle altre regioni d'Italia si approvano i bilanci di previsione (quelli che in Molise negli ultimi anni si approvano sempre ad aprile ndr).  Al termine del confronto il consigliere Greco ha inteso abbandonare l'aula insieme a tutti gli altri consiglieri regionali dello stesso gruppo sostenendo che gli atti da approvare hanno il parere contrario dei revisori della Corte dei Conti .
 
Al termine ha risposto anche il presidente della Regione Donato Toma rientrato in aula per la votazione dei bilanci. Il documento si compone di 13 articoli che sono stati approvati a maggioranza con due voti di astensione. Così come l'intera legge.  Approvato a maggioranza anche il Rendiconto consolidato della Regione Molise per l'esercizio 2020 a maggioranza con un voto contrario e due contrari. 
 
In particolare dal provvedimento, che è stato approvato a maggioranza con 2 astensioni, si evince che:
• le entrate della Regione hanno registrato un totale di riscossioni pari a € 1.405.035.138,24;
• le uscite hanno registrato un totale di pagamenti pari a € 1.389.197.338,00; il Risultato di Amministrazione della Regione al 31.12.2020 risulta di importo pari a € 55.727.578,74;
• l’andamento del disavanzo della Regione, in tutte le sue componenti, attraverso il confronto della voce e) da Rendiconto 2020 pari ad euro -494.258.381,92 (disavanzo effettivamente conseguito) e da Rendiconto 2019 pari ad Euro – 533.485.728,21 (disavanzo accertato da Rendiconto 2019 approvato con L.R. n.17/2020).
Su quest’ultimo punto, Di Lucente ha evidenziato come dal confronto si evinca che la Regione abbia realizzato un “miglioramento” del risultato di amministrazione (2020-2019) pari a Euro 39.227.346,29, valore questo superiore rispetto alla situazione di equilibrio rappresentata da un differenziale 2020-2019 che avrebbe dovuto essere uguale o superiore all’importo da ripianare nell’anno 2020 pari ad Euro 19.734.165,28. Di fatto il suddetto miglioramento del disavanzo della Regione alla data del 31.12.2020 consente un parziale recupero delle quote ancora da ripianare.
 
Approvato il “Bilancio consolidato della Regione Molise per l'esercizio 2020” viene approvato a maggioranza con due astensioni.
 
 
Il consiglio regionale ha approvato la proposta di legge regionale n. 170, d'iniziativa della Giunta regionale concernente: "Autorizzazione all'esercizio provvisorio del Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2022". L'articolo 1 e l'articolo 2 sono stati approvati a maggioranza con un voto contrario e due di astensione. Così come tutta l'intera proposta di legge. 
 
E' stata aggiunta alla discussione l'approvazione dei debiti fuori bilancio che ha visto la discussione tra il presidente della Regione Donato Toma e il consigliere Iorio sulla procedura. Dalla discussione sono emersi 31 emendamenti approvati a maggioranza con un voto contrario e due di astensione dopo che il consigliere Andrea Greco è rientrato in aula sollevando dubbi sul modo di procedere. Il presidente Toma ha chiesto di spacchettarli e votare per emendamenti per ogni debito. Alla votazione dell'emendamento numero 30 non ha partecipato il consigliere Di Lucente. Il testo finale è approvato a maggioranza con un voto contrario e due di astensione. 
 
E' stata infine approvata la Proposta di legge regionale n. 166, d'iniziativa della Giunta regionale concernente "Assestamento del Bilancio di Previsione 2021-2023 e modifiche a leggi regionali". Il testo ha visto l'inserimento di ben 8 emendamenti. In questo punto all'ordine del giorno è prevista anche la modifica di spesa in materia sanitaria. I nove articoli e gli emendamenti sono stati approvati a maggioranza con un voto contrario e due di astensione. L'intero testo è approvato a maggioranza con un voto contrario e due di astensione.