TERMOLI, CERVI DETENUTI ILLEGALMENTE: INTERVENGONO CARABINIERI FORESTALI CON IL SUPPORTO DELL'ASSOCIAZIONE A.N.P.A.N.A - Molise Web giornale online molisano

Termoli, Cervi detenuti illegalmente: intervengono Carabinieri Forestali con il supporto dell'associazione A.N.P.A.N.A

Quando la collaborazione tra associazionismo e Forze dell’Ordine è quanto mai proficua. Queste le parole migliori per evidenziare l’operazione di salvataggio di due cervi illegalmente detenuti condotta pochi giorni fa dai Carabinieri Forestali della Stazione di Termoli in collaborazione con la squadra proveniente dal Parco Nazionale della Maiella, composta da veterinari specializzati nella tele narcosi, da alcuni operatori del Raggruppamento Carabinieri Biodiversità di Popoli (PE) e in collaborazione con la Sezione Provinciale dell’Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente (A.N.P.A.N.A) di Termoli, nella persona del componente del direttivo e Coordinatore Regionale delle Guardie Volontarie del Molise Gianluca Barbuto.
 
 
L’operazione è stata organizzata in due tappe. Dapprima, si è provveduto alla sedazione controllata dei due esemplari per svolgere tutte le operazioni del caso in assoluta sicurezza, come ad esempio quelle di controllo sanitario e quelle dell’identificazione degli esemplari con marchio auricolare e per provvedere al trasporto degli stessi senza provocare stress ai due animali. In seguito, i due cervi sono stati trasportati al Centro di Recupero Fauna Selvatica di Popoli (PE), dove verranno tenuti in quarantena e sotto osservazione, prima di “riconquistare” la libertà all’interno della riserva a loro dedicata del Parco Nazionale della Maiella.
 
La Sezione Provinciale dell’A.N.P.A.N.A di Termoli ringrazia il Comando della Stazione dei Carabinieri Forestali di Termoli per aver loro permesso di assistere a tutta l’operazione e di esserne non solo meri testimoni ma anche attori protagonisti. Ringraziano inoltre i veterinari del Parco Nazionale della Maiella, non solo per la partecipazione all’operazione ma anche per averli formati sui comportamenti da tenere in futuro per casi similari.
 
In una nota stampa, l'associazione A.N.P.A.N.A. di Termoli tiene a precisare che la famiglia che deteneva i due cervi selvatici pensava in buona fede di fare il bene degli animali in quanto soddisfaceva le loro necessità somministrandogli cibo ed effettuando regolare pulizia dell’ambiente in cui vivevano.
«Pur apprezzando le buone intenzioni di queste persone, però- aggiunge-, vale la pena ricordare che la detenzione di animali selvatici pericolosi deve essere autorizzata dagli organi competenti e che vanno sempre rispettato le caratteristiche etologiche di ogni animale. Si ricorda, infatti, che ciascun animale è sottoposto alla tutela di legge, quindi chi ha intenzione di acquistare e/o adottare un esemplare è tenuto a informarsi su tutte le norme in vigore. Come la saggezza popolare ci insegna, la legge non ammette ignoranza».