SINDACATI, SOA: "IL 2021 È STATO CARATTERIZZATO DALLA REPRESSIONE, LA LOTTA SOCIALE UNICA STRADA NEL 2022" - Molise Web giornale online molisano

Sindacati, Soa: "Il 2021 è stato caratterizzato dalla repressione, la lotta sociale unica strada nel 2022"

Con la fine dell'anno le associazioni sindacali tirano le proprie somme, tra queste anche il Soa, sindacato operai Autorganizzati.
 
«Il 2021 volge al termine- dichiara in una nota stampa-, e,  in Molise, la lotta sociale e di opposizione alle politiche anti popolari resta l'unica strada anche nel 2022.
 
Come ogni fine anno- continua-, il Soa tira le somme e le analisi della situazione sociale territoriale. Un Molise in ginocchio che ha subito sempre di più le politiche dei tagli e dell'impoverimento. Molto per pochi ,poco o niente per molti. Disoccupazione dilagante, cassa-integrazione, sanità pubblica distrutta, trasporti da delirio ecc.. un tessuto sociale da lacrime e una politica regionale da urlo, spartizioni di poltrone per mantenere a galla un potere arrogante e inconcludente. 
 
Questo é stato anche l'anno delle proteste- prosegue-, nonostante il covid centinaia di molisani sono scesi in piazza e in particolare le manifestazioni sotto la regione hanno confermato che l'unica opposizione reale é solo quella della base, di coloro che subiscono quotidianamente,  mentre quelle istituzionali, denominate di sinistra (che non sono), sono state le prime ad opporsi al movimento popolare per la difesa dei diritti in nome della concertazione e della pace sociale, infatti visti i risultati  le conclusioni sono a portata di mano!
 
Il 2021 é stato caratterizzato anche da una repressione da parte di politici nostrani e addirittura da parlamentari molisani- spiega-, che hanno denunciato alcuni  attivisti che hanno "osato" organizzare  un'opposizione seria alle loro politiche da strapazzo, vogliono intimorire con i tribunali gente onesta, operai, studenti che lottano quotidianamente per dei diritti basilari anche in questo lembo di terra.
 
Il silenzio logora, come la disinformazione crea ignoranza sulle masse, questo diventa utile per i manovratori della "nobile politica".
Noi- conclude la nota- andiamo avanti con onestà e resistenza augurandoci che nell'anno nuovo a svegliarsi siano in tanti. Non ci interessano i movimenti elettorali da polvere di stelle , ma tanta dignità e coscienza per non subire una macelleria sociale ormai in atto da troppo tempo. Solo la gente e la base può arrivare ad un reale cambiamento.
 
Buon anno 2022 , uno in più per essere più forti».