CAMPOBASSO. L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE RICORDA LE NORMATIVE GIÀ IN VIGORE NEL NOSTRO TERRITORIO COMUNALE PER IL 31 DICEMBRE RELATIVO AI BOTTI DI CAPODANNO - Molise Web giornale online molisano

Campobasso. L’Amministrazione comunale ricorda le normative già in vigore nel nostro territorio comunale per il 31 dicembre relativo ai botti di Capodanno

In relazione alle imminenti festività di fine anno e all’utilizzo che in quelle occasioni si fa di petardi e altro materiale pirotecnico, l’Amministrazione Comunale di Campobasso ricorda che all’interno del vigente regolamento comunale di Polizia Municipale e in quello per la tutela degli animali (art. 31) è già vietato espressamente l'utilizzo di artifici pirotecnici (botti); in particolare, per quanto riguarda la tutela degli animali, è vietato dalle 20.00 del 31 dicembre, alle 07.00 del 1° gennaio.

La materia dei “giochi pirici” è infatti regolamentata da normative europee e poi nazionali. Né si tratta di materia “contingibile e urgente”, per cui per punire chi disturba la quiete pubblica o mette in pericolo bambini e anziani, dovrebbero essere considerati bastanti i regolamenti di polizia urbana. Le normative già in vigore nel nostro territorio comunale e contenute nei citati regolamenti, già prevedono quindi, senza che necessitino in merito ulteriori ordinanze, limitazioni all’utilizzo di materiale esplodente anche quello di libera vendita, tutelando la pubblica incolumità di cittadini e animali.

L’Amministrazione Comunale, inoltre, in adesione alle direttive ministeriali che prevedono azioni di informazione e sensibilizzazione, invita i cittadini a privilegiare l'impiego di prodotti meno invasivi e pericolosi, quali quelli, ad esempio, che valorizzino i giochi di luce e che producano effetti scenici gradevoli e meno dirompenti.

L'utilizzo dei "botti" deve essere evitato nei luoghi di aggregazione o comunque affollati, in aree a rischio di propagazione degli incendi, in prossimità di luoghi di cura e di culto o, comunque, nelle vicinanze di edifici e aree a valenza storica, archeologica, architettonica nonché naturalistica o ambientale.

Massima attenzione dovrà essere rivolta alla presenza di bambini o di altri soggetti deboli, che dovranno essere tenuti sempre a debita distanza e in condizioni di sicurezza da chi fa uso dei fuochi.