REGIONALI 2023, TOMA: SE IL CENTRODESTRA VUOLE MI RICANDIDO - Molise Web giornale online molisano
Ecco tutti gli ostacoli tra la sua dichiarazione e l'effettiva ricandidatura

Regionali 2023, Toma: se il centrodestra vuole mi ricandido

di Viviana Pizzi
 
A margine della conferenza stampa di fine anno il presidente Donato Toma rilancia: se il centrodestra lo vorrà sono a disposizione per una ricandidatura. Per ora però la situazione non sembra essere chiara. Perché da una parte c'è una Giunta Regionale che sembra unita, dall'altra c'è il coordinatore di Fratelli d'Italia Filoteo Di Sandro che non sembra essere convinto della bontà dell'azione amministrativa della coalizione. 
 
Toma nel suo passaggio politico è stato chiaro: "per puntare allo sviluppo della Regione occorreranno, tra l’altro, una vera alleanza di coesione e condivisione tra le varie forze politiche e un forte patto di concordia sociale tra queste ultime e i cittadini, pur nella diversità dei ruoli. Chi vuole agire in sinergia è benvenuto chi no può utilizzare altre strade. Il limite della critica è l'onestà intellettuale".
 
Accanto a lui c'erano tutti gli assessori, anche Pallante collegato via streaming a causa di un infortunio e Filomena Calenda che era rimasta a Isernia per motivi imprecisati. Probabilmente per evitare assembramenti al tavolo della presidenza. Ma sappiamo tutti ormai che lo stesso europarlamentare Aldo Patriciello in una intervista a Primo Piano ha sostenuto che bisogna mettersi intorno al tavolo e scegliere il candidato presidente non all'ultimo momento come in passato. 
 
Di Sandro dal canto suo nella sua nota ha sottolineato che le recenti sconfitte del centrodestra, tra cui Isernia, Agnone, Campobasso e Bojano sono sicuramente imputabili "alla mancanza di dialogo, confronto, partecipazione e condivisone ai processi decisionali su grandi temi di interesse strategico per la Regione  (per esempio Sanità, Covid e Lavoro); il contrasto politico tra i partiti stessi sulle strategie politiche". 
 
Insomma la via di Toma per essere ricandidato a centrodestra è lastricata di ostacoli piccoli e grandi. Vedremo in futuro se potranno essere superati.