AGGRESSIONE ALLE POSTE CENTRALI, LA SILP CISL: SONO STATI I CLIENTI AD AGGREDIRE IL DIPENDENTE - Molise Web giornale online molisano

Aggressione alle poste centrali, la Silp Cisl: sono stati i clienti ad aggredire il dipendente

Solo due giorni fa abbiamo riportato la storia relativa all'aggressione verbale avvenuta alle poste centrali di Campobasso. Di cui sarebbero rimaste vittime una donna e un anziano. Dopo la denuncia da parte di una di loro arriva la versione della Silp Cisl. 
 
"Non possiamo non fornire risposta a quanto apparso di recente sul giornale online moliseweb.it. Che l’episodio accaduto presso lo sportello dell’Ufficio Postale di via Pietrunto sia da stigmatizzare, è fuor di dubbio. “Il violento scambio verbale che si è avuto fra un cliente  ed un operatore di sportello il 3 gennaio, proprio nell’ufficio in cui svolgo la mia attività lavorativa – ha commentato Antonio D’Alessandro, Coordinatore della SLP Cisl Molise –
è indubbiamente grave e da condannare, soprattutto perché è sintomo di uno stato di agitazione e di tensione presente ormai fra i cittadini ad ogni livello. Purtroppo episodi di  tal genere, francamente, non possono lasciare indifferenti e ci dispiace anche del fatto  che molti clienti abbiano dovuto assistere a questa brutta scena”.
Tuttavia, sentiti i protagonisti ed i testimoni, sembra che 
il cliente in questione, per motivi imprecisati, sembra abbia iniziato ad innervosirsi ed  abbia aggredito i dipendenti con improperi ed urla udite anche all’esterno dell’edificio.
“Nonostante gli inviti a non presentarsi presso gli uffici se non per operazioni indifferibili  ed urgenti – precisa D’Alessandro – anche quest’anno il periodo di ferie natalizie, nonostante la pandemia, ha visto un aumento delle code a sportello ed un incremento di 
operazioni, troppe volte non urgenti e non essenziali. Purtroppo l’attesa prolungata allo sportello per molti è fonte di notevole stress e può causare reazioni imprevedibili.Siamo oltremodo preoccupati dall’impressionante escalation di gravi e violenti episodi di 
aggressione verificatisi negli uffici postali in tutta la regione ai danni di lavoratori addetti agli sportelli.
D’altra parte la festività natalizie ci sono anche per il personale postale, il quale ha continuato a fornire un servizio alla cittadinanza in questi anni difficili senza alcuna interruzione, dovendo affrontare con coraggio non solo i rischi del contagio come e più di altre categorie di lavoratori, ma anche le aggressioni di una clientela per nulla riconoscente”.
Più volte la CISL Poste ha riportato il problema all’Azienda nel tentativo di sensibilizzarla ma, nonostante ciò, la situazione non è cambiata né nel comportamento della clientela, né nelle misure adottate dall’azienda a tutela dei propri dipendenti, né nell’atteggiamento
superficiale ed indifferente di gran parte dei mass media.
“La recente aggressione nell’Ufficio Postale centrale di Campobasso – precisa 
D’Alessandro – riporta l’attenzione di tutti sulla gravità di tali avvenimenti e deve farci 
reagire con ancora più determinazione che in passato
I dipendenti di Poste Italiane sono individui che si presentano ogni giorno al lavoro per 
guadagnarsi la giornata come ogni altro lavoratore di questo Paese, svolgono un lavoro 
di pubblica utilità e meritano di essere TUTELATI, PROTETTI E SOPRATTUTTO 
RISPETTATI, e non certo insultati con espressioni diffamatorie ed offensive".