Mercoledì - 30 Novembre 2022

Elezioni, Claudio Lotito incontra circa 80 amministrazioni: “Ora il Molise ha bisogno di risposte certe"

Nella serata di ieri, 9 settembre, insieme con il candidato alla Camera Lorenzo Cesa, il candidato al Senato Claudio Lotito è stato presentato da Vincenzo Niro con i Popolari per l'Italia.


 
Circa 80 le amministrazioni comunali, rappresentate tra sindaci, vice sindaci e consiglieri, presenti ieri sera a Villa d’Evoli dove i Popolari per l’Italia, con in testa il coordinatore regionale Vincenzo Niro e il capogruppo in Consiglio regionale Andrea Di Lucente, hanno presentato i candidati al Senato e alla Camera, rispettivamente Claudio Lotito e Lorenzo Cesa.

«Una grande dimostrazione di forza e di compattezza da parte di un centrodestra coeso e determinato» si legge nella nota stampa. Compattezza che è emersa dalle parole di Niro e anche dagli interventi di Lotito e Cesa. Molta attesa per l’intervento di Lotito che non ha guardato ai competitor e ai parlamentari molisani uscenti. Per questi ultimi si è limitato a dire: «Sono andato a verificare cosa hanno prodotto in Parlamento e, tirate le somme, hanno fatto zero».

Poi è andato al nocciolo della questione che riguarda il Molise: sanità, isolamento, lavoro e una grave mancanza di sensibilità a Roma per questi problemi. «Non sono questioni irrisolvibili, anzi, ma bisogna essere presenti a Roma, decisi, capire le cose, segnalarle, risolverle, facendo l’elenco delle criticità e dicendo che, da anni, qualcuno si è dimenticato del Molise. Non è pensabile che ci sia da tredici anni il Commissariamento della Sanità per 80 milioni di euro. La Sanità deve essere gestita in Molise, questa è una cosa vergognosa. Non voglio fare una similitudine calcistica, ma un piccolo passaggio lo farei. Io ho acquisito la Lazio perché c’era un problema di ordine pubblico reale. Ho trovato 550 milioni di debiti, la società aveva un fatturato in perdita e perdeva più della Sanità molisana. Sono riuscito a risanare la Lazio, questo vuol dire che lavorando con decisione e competenza si può risolvere qualsiasi problema».

«Voi avete gli stessi diritti di tutti gli altri – ha detto rivolto alla folta platea - parliamo di un diritto Costituzionale garantito a tutti i cittadini italiani. Non si possono paragonare i 300mila abitanti del Molise a i 300mila dell’Euro di Roma in termini di dotazione finanziaria. In Molise la popolazione è distribuita a macchia di leopardo e ha bisogno si una Sanità di prossimità perché uno non può fare 50 chilometri con queste strade per raggiungere l’ospedale. Ci arriva morto se ha un infarto. Parliamo di cose assurde».
 
«Il Molise deve avere delle risposte politiche e amministrative, ma risposte che siano certe, non futuribili. Noi queste risposte le daremo.» ha concluso Lotito che, in appena dieci giorni di permanenza in Regione, ha già individuato le priorità e la strada da imboccare per ridare forza e fiducia a una regione sempre più isolata e che negli ultimi anni non ha avuto peso in Parlamento.