Sabato - 03 Dicembre 2022

Terzo Polo, Occhionero: «Mettere in campo politiche serie in materia di energia e ambiente»

Siamo agli sgoccioli della campagna elettorale per l'elezione dei 4 seggi in Molise, la  candidata di Italia Viva e Azione (Il cosiddetto Terzo Polo) al collegio plurinominale della Camera, l'On. Giuseppina Occhionero lancia il suo appello al voto.

«Stiamo incontrando tanta gente sempre più interessata al progetto politico ambizioso messo in campo dal terzo polo. Approfitto per ringraziare, ancora una volta, tutti i miei compagni di viaggio per l'impegno e, soprattutto, tutti i cittadini che ci ascoltano.

Ancora qualche riflessione, a poche ore dal voto, per lanciare l'appello a votare e a votare per il terzo polo che vuole mettere in campo politiche serie in materia di energia e ambiente. Nel breve periodo è assolutamente necessario raggiungere l'indipendenza dal gas russo. Questa è diventata una questione di sicurezza nazionale e deve essere affrontata con estrema urgenza. Dunque, bisogna completare, con procedure straordinarie, la costruzione di due riclassificatoti galleggianti. Aumentare la produzione di gas nazionale riattivando e potenziando gli impianti già esistenti, rafforzare la strategia sulle rinnovabili completando il processo di individuazione delle aree su cui istallare gli impianti di generazione elettrica da fonti rinnovabili, aiutare le imprese a ridurre i costi della bolletta elettrica incentivando, con garanzia statale, la produzione di energia rinnovabile per autoconsumo.

Chiediamo ancora al Presidente Draghi di promuovere in Europa un price cap su tutto il gas importato per ridurre anche il costo dell'energia elettrica. È fondamentale ed è al centro del nostro programma elettorale abbassare i consumi di energia migliorando l'efficienza energetica degli edifici e aumentando il calore generato da fonti rinnovabili, amiche dell'ambiente. Per la nostra regione è, altresì, fondamentale promuovere un piano per il riuso delle acque di depurazione e per incentivare gli investimenti in sistemi di irrigazione che riducano gli sprechi d'acqua. Penso anche all'agricoltura che nella nostra regione è il traino dell'economia. Vogliamo agricoltura 4.0 e pensiamo che sia necessario potenziare la formazione tecnica e manageriale.

Più garanzie statali per facilitare l'accesso al credito e il sostegno all'innovazione. Non dimentichiamo che l'agricoltura è protagonista della transizione energetica. Tema fondamentale è quello della gestione della fauna selvatica, in particolare, dei cinghiali che stanno piegando non solo la nostra agricoltura ma stanno mettendo a repentaglio la salute e la sicurezza dei nostri concittadini. Serve l'immediata approvazione del decreto legge (concordato con le regioni per la modifica della legge 157 che ormai è desueta e obsoleta) che prevede piani di abbattimento regionali in caso di inefficacia dei sistemi di controllo. Serve, quindi, rafforzare la copertura dei danni da fauna selvatica.

Anche per questo, votate Italia Viva e Azione» conclude la deputata Occhionero.