AeQuilibrium Cup 2023 in Molise: al femminile trionfa il gruppo del Lazio - Molise Web giornale online molisano
Martedì - 27 Febbraio 2024

AeQuilibrium Cup 2023 in Molise: al femminile trionfa il gruppo del Lazio

LOMBARDIA 2 - LAZIO 3 (8/25, 25/18, 25/17, 26/28, 12/15)

LOMBARDIA: Riva 17, Bruzzone 9, Mapelli 3, Nozza 14, Torre 9, Lo Bianco 2, Di Napoli (L); Pezzaniti, Casati 1, Bianco, Solovei 1, Fenzio 13, Olivari 1. Ne: Brusetti (L2). All.: Prezioso.

LAZIO: Forte, Feriozzi 4, Baleva 32, Viti 7, Mori 8, Hernandez Suarez 2, Forte 9, Giuli (L); D’Angelo (L2), Masucci 1, Franchini, Roccoli, Mastrangelo 3. Ne: Pellegrini e Miulli. All.: Avalle.

ARBITRI: Trabuio (Padova) ed Andrei (Pordenone).

NOTE: durata set 22’, 26’, 27’, 35’, 18’. Lombardia: battute vincenti 11, battute sbagliate 12, muri 5, errori 20, seconda linea 1. Lazio: bv 14, bs 8, m 9, e 19, sl 5.

 

È del Lazio l’AeQuilibrium Cup Trofeo delle Regioni 2023 sul versante del tabellone femminile. In finale il sei più uno di Simonetta Avalle supera al tie-break una Lombardia che ci mette comunque tanto piglio, ma fallisce l’opportunità di portare la contesa al quarto set, finendo con l’essere alterna al tie-break.

La partenza del Lazio è arrembante. Il sestetto di Simonetta Avalle va 1-6 (ace di Feriozzi), costringendo il tecnico lombardo Prezioso a chiamare time-out anche per i tre errori delle sue. Il Lazio viaggia da fuoriserie e va sul 3-12 con il tecnico padano che esaurisce i suoi due time-out già sul 12-3. Il Lazio prosegue la sua marcia con Baleva che si fa sentire da prima come da seconda linea (sei i suoi punti nel parziale) con il team laziale che arriva ad avere sedici set point sul 8-24 chiudendo poi i conti con Mori a muro per il 8-25.

La formazione lombarda ha maggiore brio nel secondo parziale andando sul 4-1 dopo l’ace di Torre (time-out di Avalle). Baleva riporta sotto il team del Lazio, ma Riva in attacco riesce a dare nuova linfa alle sue con un servizio che consente a Bruzzone a filo rete di doppiare le avversarie (8-4) con le laziali che però si riavvicinano sul 12-11. Torre al servizio amplia nuovamente il margine, ma il muro di Baleva e la diagonale di Viti danno nuovo respiro alle laziali. Baleva con un ace e con la possibilità per Viti di chiudere a filo riporta il Lazio sino al meno uno (16-15), ma Riva e Nozza fanno fuggire nuovamente le lombarde (18-15).

Trovata la parità, la Lombardia inizia forte anche il terzo set (3-0), ma Mastrangelo entrata in corsa mette a segno tre punti consecutivi, impattando il set. L’equilibrio prosegue costante, finché il muro di Mapelli non dà un break alle sue (8-6), ma Baleva da seconda linea firma il controsorpasso laziale (8-9). La Lombardia si riporta avanti con una Fenzio modello deluxe con il successivo errore in primo tempo di Mori (12-10) che costringe Avalle a chiamarci time-out. L’ace di Torre (alla sua terza battuta vincente) amplia il margine per le padane (13-10). La fuga del team lombardo prosegue, ma Baleva non è dello stesso avviso e riporta le laziali a meno due (16-14). Riva, dai nove metri, con una battuta in salto spin particolarmente efficace dà vita ad un piccolo break (18-14). Nozza amplia il margine. Bruzzone con due ace fa saltare il libero laziale Giuli (entra al suo posto D’Angelo). La regista padana Mapelli dà sette set point alle sue con un ace e ci pensa Solovei a chiudere per il 25-17.

Galvanizzate dal sorpasso in conto set, le lombarde iniziano il quarto parziale alla grande (5-1), costringendo al time-out il tecnico laziale Avalle. Il Lazio rientra grazie a Baleva, ma Torre dà nuovo slancio alle lombarde che ritrovano quattro lunghezze di margine (11-7) con l’ace di Torre ed arrivano ad un più cinque dopo l’ace di Mapelli (14-9). L’errore di Baleva suona quasi di resa (16-9). Torre a filo rete fa 19-11, ma due ace di Baleva (al sesto punto dai nove metri) riavvicinano il Lazio a meno cinque (19-14). Ma il Lazio si riport sotto  meno uno con il muro di Feriozzi (21-20). La Lombardia prova a fuggire di nuovo e, su attacco di Nozza, la Lombardia ha tre match point (24-21). La tensione si fa sentire sul versante padano con due errori e l’ace di Forte che portano il set ai vantaggi (24-24). Fenzo fallisce, ma Viti la imita. Baleva dà il secondo set point alle laziali (25-26) che poi si impongono 26-28.

Nel decisivo tie-break c’è un equilibrio iniziale, spezzato da Baleva al servizio e da seconda linea (5-7) con le laziali avanti di due (6-8) al cambio di campo. Quattro errori sul versante laziale spingono avanti la Lombardia (10-8). Gli errori della lombardia fanno impattare il punteggio a 10. Baleva ed il muro di Feriozzi siglano il break (11-13). Baleva regala alle sue tre match point (11-14) ed al secondo la stessa opposta che sigla così il suo trentaduesimo punto (il ventitreesimo in attacco) chiude definitivamente i conti e regala alle laziali il titolo (12-15).

Felice ovviamente al termine la selezionatrice del Lazio Simonetta Avalle: «Provo grande emozione e immensa gioia – ammette – ed è proprio la gioia il sentimento che più ho cercato di trasmettere a tutte le ragazze in questa settimana di gare. Perché le emozioni che una giovane atleta prova al Trofeo delle Regioni non sono comparabile con nient’altro. Ho detto loro di godersi ogni momento senza soffrire e patire. In questo match abbiamo messo cattiveria agonistica, ma soprattutto grande gioia ed entusiasmo. In questo anno abbiamo lavorato tanto, ora è il momento solo di godersi questo bellissimo successo».

Sull’altro fronte, il tecnico della Lombardia Matteo Prezioso analizza così la sconfitta delle sue al tie-break: «Nel quarto set abbiamo cercato di chiudere tirando forte contro le mani alte. È mancata un po’ di lucidità per scegliere il colpo vincente».

Poi circa le tante rotazioni delle sue aggiunge: «Siamo arrivati a questo punto grazie alla profondità del nostro organico. Posso dire di avere un grande gruppo perché siamo usciti fuori dal 25-8 del primo set e sono orgoglioso di avere allenato un grande gruppo».

MoliseWeb è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/moliseweb_it